Home » Non solo master » LIVIO FORNASIERO » UN ATRO ANNO DI DIVERTIMENTO PER IL G.S. 2 PEDALI

UN ATRO ANNO DI DIVERTIMENTO PER IL G.S. 2 PEDALI

UN ATRO ANNO DI DIVERTIMENTO PER IL G.S. 2 PEDALI - MASTERCROSSMTB

UN ATRO ANNO DI DIVERTIMENTO PER IL G.S. 2 PEDALI

Arsego (Pd). L’ Asd Gs 2 Pedali di Arsego assieme  ai gruppi sportivi: Asd Pedali Bordin, Pedale Pertichese e Gc Ea Roda,  hanno aperto la stagione sportiva ciclistica  amatoriale e  turistica  2017. Riunitisi presso il Municipio di San Giorgio delle Pertiche, hanno ricevuto i saluti e gli auguri del sindaco Piergiorgio Prevedello, l’assessore allo  sport Stefania Pierazzo e il consigliere Enrico Libralon. Il Gs 2 Pedali ha programmato l’attività sportiva 2017. Da marzo a ottobre uscite domenicali dei ciclisti con percorsi che spaziano dalla pianura alle montagne. Con il Gs Sant’Andrea di Curtarolo, nel mese di aprile viene proposto la “Giornata dei 2 pedali”, gare ciclistiche riservate alle categorie Giovanissimi a livello regionale. Il 27 agosto la “Festa del ciclista” presso la chiesetta della Madonna del ciclista in località Rosina di Marostica contrada Marchetti, presenti gruppi ciclisti veneti. Il 24 settembre la tradizionale “Pedalata ecologica”, partecipano persone di ogni età. L’8 ottobre la Giornata di chiusura attività sportiva. La “Festa di chiusura” l’8 dicembre con tutti i ciclisti attorniati da familiari e simpatizzanti. Altre attività che meritano essere menzionate per l’impegno dell’intero gruppo nella collaborazione e alle manifestazioni organizzate dal Comune e dalla Parrocchia in particolare: il 10 settembre la Marcia del Graticolato, da novembre a marzo  la Ginnastica invernale, la notte di Natale dopo la Santa Messa distribuzione di cioccolata calda e vin brulè ,nel Centro Parrocchiale di Arsego il giorno dell’Epifania: “Brusa la vecia”. L’Associazione sportiva venne costituita nel 1982 ad opera di un gruppo di appassionati della bicicletta,  con il passare degli anni  i ciclisti hanno continuato ad aumentare, quest’anno gli iscritti sono un’ottantina.    

                                                                                               Livio Fornasiero