Home » Non solo master » I NOSTRI RAGAZZI ... » ULISSI ..... STA GODENDO

ULISSI ..... STA GODENDO

ULISSI ..... STA GODENDO - MASTERCROSSMTB

ULISSI: "ADESSO STO GODENDO". EVANS: "CONTENTO DELLA CONDIZIONE"

Il toscano: "Ho avuto grandi gambe". Matthews: "La squadra mi ha tenuto fuori dai guai". Brambilla: "Ora starò con Uran"

C’è voluto un po’, cinque tappe, per avere i primo successo italiano al Giro 2014. Ma ne valeva la pena. Perché il nome di Diego Ulissi non è quello di un carneade che ha pescato il jolly. Il toscano è considerato uno dei giovani più promettenti del ciclismo italiano. Soprattutto nelle gare di un giorno. Diego ha nelle gambe una carriera simile a quella dei suoi corregionali Bartoli e Bettini. "Quest’anno le Classiche non sono andate come volevo, sono arrivato al Giro con l’obiettivo di vincere una tappa ed esserci riuscito alla prima occasione mi toglie un po’ di pressione. Perché l’appetito vien mangiando e sicuramente ora non mi voglio fermare qui”. Il corridore della Lampre ha dimostrato di avere una condizione super. “A causa di una caduta davanti a me, quando non mancava molto al traguardo sono rimasto piuttosto indietro, ma ho recuperato bene e ho fatto un bel finale. Avevo delle gambe super e sulla salita finale si è visto. Non è mai facile affrontare una corsa in bici quando tutti ti indicano come favorito di giornata. Ma ce l’ho fatta, ho fatto un bel numero e ora me la voglio proprio godere".

IN FIDUCIA — Michael Matthews sembra non accontentarsi di aver conservato la maglia rosa. Eppure non era così scontato. "Avevo in testa - ammette l’australiano della Orica - anche la vittoria di tappa. Ma nel finale un corridore davanti a me (Quintana, ndr) ha avuto un problema, si è creato un piccolo buco e ho dovuto giocarmi un po' di energie per andare a chiudere. Ma è normale, quando hai la maglia rosa non puoi sperare che qualcuno pedali per te. Ci tengo comunque a ringraziare i miei compagni, che mi hanno protetto per tutto il giorno da vento e problemi, facendomi arrivare al finale nella posizione che volevo. Ma sono stato un po’ sfortunato. Questa maglia dà morale, a Montecassino aspettatemi ancora".

FIDUCIA CADEL — In casa Ag2r c’è un po' di rammarico per la mancata vittoria di Domenico Pozzovivo: "Quando ha dovuto sganciare il piede per la caduta - commenta Matteo Montaguti - la corsa era già nel vivo. Ha recuperato con grande facilità, segno di un’ottima condizione". Impresa sfumata anche per Gianluca Brambilla, autore di un’azione notevole sull’ultima salita. "Mi ha fregato il vento, che era davvero forte e mi soffiava contro. Peccato perché stavo bene. Ora starò vicino a Uran". Tutt’altro umore per Cadel Evans, che appena tagliato il traguardo non se la prende per il secondo posto. "Quando mancava un km all’arrivo sono rimasto un po’ chiuso, sono risalito bene ma non è bastato. Giornata davvero complicata, tra vento, acqua e i pericoli nel finale per la strada bagnata, ma posso essere contento della mia condizione".

DAL NOSTRO INVIATO JACOPO GERNA      FONTE : GAZZETTA DELLO SPORT