Home » Non solo master » LIVIO FORNASIERO » SIMONE TEMPERATO ... UN'ALTRA IMPRESA

SIMONE TEMPERATO ... UN'ALTRA IMPRESA

SIMONE TEMPERATO ... UN'ALTRA IMPRESA - MASTERCROSSMTB

Alla “Rampigada Santa” nuovo show del Magico Tempe.

  Il bassanese Simone Temperato incanta il pubblico di Trieste.

Trieste. Un folto pubblico ha fatto da cornice domenica scorsa alla 1° edizione della Rampigada Santa, gara ciclista e podistica organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Spiz. Poco più di 2 km sul pavè di Scala Santa, considerata dagli esperti in materia la regina delle salite triestine.  Una ascesa durissima che da Roiano conduce fino all’Obelisco di Opicina sull’altipiano carsico, con 16 % di pendenza media che, in alcuni tratti, va ben oltre il 20 %. Una cronoscalata tutta particolare dove si sono dati battaglia 211 iscritti alla gara competitiva, seguiti poi da un migliaio di persone che ha preso parte alla non-competitiva. Apripista d’eccezione a questa kermesse è stato il bassanese Simone Temperato che ancora una volta è riuscito a firmare un’altra impresa scalando la Scala Santa con una sola ruota. Il Magico Tempe, invitato dagli organizzatori ha raggiunto il traguardo finale in 18’44”, una dura sfida che ha messo alla prova le sue ormai indiscusse doti di equilibrista. Era la prima volta che affrontavo una salita così lunga sul pavè, ha dichiarato Simone dopo l’arrivo. La difficoltà maggiore è stata quella di mantenere l’equilibrio reso precario dal fondo stradale. Sono riuscito fortunatamente ad evitare la parte più sconnessa disegnando delle traiettorie che mi hanno permesso di arrivare fino al traguardo finale di Opicina senza sbagliare. La Scala Santa è stata sicuramente una delle salite più dure che ho affrontato con una sola ruota, è paragonabile a quella del famoso Muro di Sormano in Lombardia, sicuramente un obiettivo per chi ama le salite e le sfide estreme. Malgrado le condizioni in cui Simone è riuscito ad affrontare questa terribile salita segnaliamo il 55° tempo assoluto, un risultato di tutto rispetto, di chi invece la salita l’ha fatta con le due ruote a terra!