Home » Gare » MASTER SPORT&SPORTS 2013 » OPERA 1/4/2013

OPERA 1/4/2013

UN COLOMBO ... CHE FA PRIMAVERA

UN COLOMBO ... CHE FA PRIMAVERA - MASTERCROSSMTB

UN … COLOMBO CHE FA PRIMAVERA


Stamattina contavamo  di indossare  i … scarp de tennis , e invece no, ancora scarponi e stivali! Le temperature non sono più quelle di una volta e  se non vogliamo  ritrovarmi a passare ancora un weekend  in compagnia dell’antipiretico, ci conviene coprirci bene anche oggi e rimandare i pic-nic in braghe corte. Meno male che abbiamo il Master Sport & Sports che con acqua, neve o freddo si corre istess e niente può fermare il piccolo esercito di cento amatori  che anche ad Opera rispondono al richiamo dell’ASD Fiat De Gradi e mettono a nudo l’anima guerrigliera che gronda passione. Il più agguerrito anche oggi è stato l’uomo più umile e generoso del master , Marchino  Colombo, ( senior)  impossibile non volergli bene, specie ora che corre da uomo solo al comando. Suo il miglior tempo e anche i battuti, Cesare Forcati, Mauro Garampazzi  e Claudio Rizzotto non possono che stringergli la mano in segno di ammirazione. Ottima la prova dello Junior Massimo Bonetti che con un mix di aggressività ed energia mette alla frusta i pur quotati Erik Poloni e Simone Bertolli, scavando un solco davvero profondo e difficile da scavalcare ma chi ci ha più impressionato fra i giovani è il figlio d’arte Christian Rizzotto, un metro e novantacinque  di straordinaria potenza che domano le aspirazioni del campione italiano cross Manuel Ballini e il golden – boy Alessandro Bellotto. Il Gentleman Roby Slanzi  può certamente essere un po arrabbiato per un mezzo passo falso ma,  se a batterti è Roberto Lombardi allora la tristezza passa subito perché il Mobilbrix ci ha abituati a queste performance e anche oggi ha sciorinato un buon ciclismo mettendo alla frusta oltre che Slanzi , anche Vittorino Stroili e Stefano Cavallin. Non conosciamo il veterano Massimo  Balduini ma visto da fuori ci basta un colpo d’occhio per capire che sprizza energia da ogni poro e che ha un padronanza del mezzo invidiabile, se poi in corsa  ingabbia un uomo monumentale come Silvio Olovrap e un granatiere come Michele Arbertolli  non fa altro che legittimare le nostre tesi, più o meno come ha saputo fare il super “B” Matteo Petrucci che come la  goccia che scava la pietra sta imponendo una sudditanza psicologica ai suoi avversari, oggi Ivan Rizzotto e Gregorio Sottocorna, che cominciano a far fatica ad arginare questa superiorità.  Il fermo immagine dell’arrivo dei super “A” ci regala un sorriso a trentadue denti di Angelo Carelli che si tuffa sui tappeti elettronici di Mister Poletti che lo ripagano con un eloquente 1h, 13’ e 1’’ dopo un gara da protagonista che fiaccano le aspirazioni di Angelo Togni e Giuliano Garlaschè. Bravo il debuttante Luca Quaroni su Daniel Sartore e bravissima Clara Perletti , donne “B”, sessant’anni e non sentirli, a parte la sciatica e le infiammazioni alle ginocchia ma sempre  onnipresente e stavolta batte Laura Favalesi di vent’anni più giovane mentre fra le donne “A” , Cristina Cortinovis fa poco più che un allenamento e primeggia su Martina Galliani. Il primavera 2 Federico Stani, anche oggi mostra le stimmate del corridorino di rango e si prnde lo scettro della vittoria battendo  nettamente Luca Bergamelli  e Biagio Borella mentre fra i più piccini vince ancora Roberto Sartore ma il tambureggiante Jacopo Barbotti … si fa vedere negli specchietti mentre Niccolò Tumiatti per ora sta studiando la lezione e … ha voglia d’imparare. Termina in un clima di serena armonia anche questa tappa del master, e nella speranza che il sole torni a scaldare, la Fiat De Gradi ringrazia tutti e ci da appuntamento alla prossima Primavera. Sperem.


Carmine Catizzone