Home » Gare » MASTER SPORT&SPORTS 2013 » MIASINO 7/4/2013

MIASINO 7/4/2013

ENTRANO CARDINALI MA SOLO CARMELO CERUTO ESCE .. PAPA

ENTRANO CARDINALI MA SOLO  CARMELO  CERUTO  ESCE .. PAPA - MASTERCROSSMTB

ENTRANO 175 CARDINALI MA SOLO CERRUTO ESCE … PAPA!


Si  dice che le stagioni non esistono più e con questo pensiero, non certo stupendo e con una nostalgia canaglia che  sentiamo addosso come un koala, gli  amatori dell’Acsi , anche oggi battezzati da una  pioggia battente, si presentano a Miasino  per la settima tappa del master Sport & Sports  e  seconda del Circuito del lago d’Orta. Sono in centosettantacinque  che religiosamente si presentano ai nastri di partenza come fossero cardinali che entrano in conclave ma …  uno solo uscirà “Papa”! Primi a partire i giovani che devono percorrere ben 42 Km di un  percorso  fra i più  suggestivi del master , tutto  disegnato sul fianco  di levante del lago d’Orta, una carezza del Creato! Radio corsa comunica che è guerra fra i big ma alla fine è il tempo stratosferico di 1H, 59’ e 36 ‘’ fatto registrare dal veterano Carmelo Cerruto ad incoronarlo Sua Santità e che con una semplicità disarmante rifila un rosario di distacco agl’incolpevoli Andrea Bianco e Roberto Pasin. Bellissima e combattuta la gara dei senior  per merito di due ragazzi  straordinari, Jacopo Bottarini e Luca Finotti che non si sono mai risparmiati e solo sul finale s’è decisa in favore del ragazzo di Gianluca Bortolami che ha sfiorato anche il miglior tempo assoluto. Il Cadetto Alessandro Bellotto è un bravo ragazzo che viaggia libero di testa e torna sempre a casa  a testa alta accompagnato da papà Sergio che se lo mangia con gli occhi, sia quando perde  che  quando - come oggi -   vince battendo Marco Mora e Alessandro Venegoni ma anche lo Junior Massimo Ciarini è uno che ama i suoi sogni e oggi lo ha fatto ad occhi aperti precedendo un grande come Davide Fornara e un  combattente come Alessandro Fumagalli , attardato per la verità da noie meccaniche. Quando il Gentleman Massimo Valsesia è piombato sul traguardo dopo aver condotto la gara da uomo solo al comando, ha trovato ad attenderlo l’umilissima Luigina, l’altra metà della sua mela e patron Giulio Moretti, oltre ad un gigantesco applauso che scaccia tutte le sue pene per la salute ritrovata: “ Dedico a Moretti e a mia moglie la vittoria  che condivido  con tutti gli amici che mi sono stati vicini nei momenti brutti del mio … cuore matto”. Anche Celestino Colla e Vittorino Stroili, arrivati nell’ordine,sembrano gradire . Continua la bella favola di Fabietto Bedogni, Debuttante di belle speranze che si prende il lusso di dominare su Pippo Negro e Marco Colombo e poi aspetta sotto il gonfiabile d’arrivo la Presidentessa Alessia Della Valle per abbracciarla e congratularsi con lei per aver vinto fra le donne “A” su una combattiva Serena Mensa. Molto più combattuta la gara delle Donne “B” dove unimmensa  Maddalena Sesiani ha dato filo da torcere a lady  Angela Agazzone, uno scricciolo di donna che sulle dure rampe fa la differenza. Il super “A” Lucio Pirozzini  non molla mai il timone del vincente e le sue pedalate sono sciabole taglienti che fanno vittime illustri, nella fattispecie due compagni di squadra, l’ex podista fenomenale Aldo Alegranza e il tenacissimo Giuliano Garlaschè. Il baffuto e serioso Aldo Celmi, nonostante un errore di percorso fa sua la gara battendo un ritrovato Fausto Bellotti e uno sconclusionato Gregorio Sottocorna , l’unico che parte alle gare senza freni e con le gambe sempre incerottate. I nostri Primavera sono fortunati ad avere delle società come la Iride Cycling Team, la MTB Omegna e IL Ciclista, solo per citarne alcune , che li accompagnano nella loro crescita sportiva  trasmettendo loro i sani valori come la lealtà, l’amicizia e lo spirito di squadra e poco ci importa sapere chi vince, anche se Renato Poletti ci consegna le classifiche  in tempo reale, le quali  ci comunicano che sono Alex Viaretti  e Thomas Schimizzi a trionfare  su Gabriele  Romanò e Roby Sartore, quello che ci interessa è sapere che anche oggi sono stati una ventina e ci seguono ovunque perché sentono il master come una seconda pelle . Fra le società  sono gli Skorpioni a salire nell’olimpo anticipando di poco Il Ciclista e la Iride Cycling Team. Appunto! Termina con un mega pasta party, contornato da un bel Palzola Party e torte fatte in casa la bellissima gara di Miasino e –sospirando- ha ragione Renzo Bogianchini ad elogiare i circa 80 volontari  fra Pro Loco di Miasino e  di Ameno, ma anche gli “amici della bicicletta” e gli alpini di Miasino che hanno messo in sicurezza l’evento ma le parole più gradevoli le ha riservate per la farmacia Piatto  per il montepremi e per il Primo Cittadino Dario Silvetti che fregandosene dei … patti di stabilità e debito pubblico è sceso in campo a fianco di chi si adopera per la collettività e Renzo Bogianchini, ci sia concesso, s’impegna davvero tanto per i suoi ragazzi e per il “suo” territorio. E noi con lui!


Carmine Catizzone