Home » MASTER CSAIN DI CICLOCROSS » MAGLIONE 22/12/2019

MAGLIONE 22/12/2019

MAGLIONE INCORONA BUM BUM BALLINI E IL SOLITO TACCHINARDI

MAGLIONE INCORONA BUM BUM BALLINI E IL SOLITO TACCHINARDI - MASTERCROSSMTB

MAGLIONE INCORONA BUM BUM BALLINI E IL SOLITO TACCHINARDI

Dopo 4 giorni consecutivi di pioggia più o meno forte, dopo aver lavorato tutto il sabato per allestire al meglio il percorso di gara, dopo che la notte del sabato ci ha ancora riservato una ulteriore bagnata non richiesta, il percorso di Maglione (To) ha retto più che bene all'assalto della centuria di crossisti che si sono dati appuntamento per contendersi la vittoria nel "ciclocross della vigilia" alla gradita presenza della Responsabile Csain Elisa Zoggia armata di reflex e buone intenzioni.

Ore 13.30, i giovani sono schierati e pronti ad aprire le danze e già dai sguardi si capisce che Bum Bum Ballini e il solito Lele Tacchinardi   hanno intenzione di metterci cuore e gambe per regalarsi l’ennesima gioia prima del Santo Natale.

Partono per primi  gli Junior e  i Senior seguiti ad un minuto dai veterani e subito Simone Ballini (jun)  sparisce dai radar  impiegando si e non tre/quattro curve per issarsi da solo al comando, a Riccardo Ornaghi, Stefano Martinotti e Stefano Missiaggia   non rimane che giocarsi le posizioni di rincalzo e la vittoria di categoria.

Il copione è praticamente identico anche per i veterani che, seppur partiti un minuto dopo, offrono il solito  Gabriele Tacchinardi dall’istinto felino che, al quinto degli otto giri previsti, raggiunge Simone Ballini e, di comune accordo, giungono sulla linea d'arrivo appaiati, troppa la differenza  di valori in campo e la classifica generale lo certifica.

Di seguito arrivano: Agrini Alessandro, primo vet 1, poi  Riccardo Ornaghi , vincitore tra i sen 2, Stefano Martinotti e Stefano Missiaggia  e vincitore tra i sen 1.

Tocca poi ai gentleman 1 aprire il giro delle partenze di gara 2, seguiti ad intervalli di un minuto dai gentleman 2, dai Super A, Super B e dalle quattro donne al via oggi.

Tra i gentleman 1 sono Mauro Sedici   e Vincenzo Crivellari a fare il ritmo, Sedici resiste 3 giri poi, con le tossine della gara del sabato nelle gambe, rallenta il ritmo e coglie un buon secondo posto con Mauro NOvelli a chiudere il podio.

Quando Riccardo Giulio Acuto  trova un terreno come quello di oggi è come recapitargli un invito a nozze.

La sua è una cavalcata solitaria verso la vittoria, un coast to coast da brividi  e per Roberto Radaelli ed Andrea Zamboni  non rimane che complimentarsi e rilanciare la sfida magari già giovedì 26.

Batilde Oto   e Pantaleo Bray   sono gli attori protagonisti della categoria Super A fino a quando Oto Batilde   decide che è ora di andare ed allunga salutando la compagnia. Pantaleo Bray  continua del suo passo ma nel finale deve cedere la seconda piazza ad un rimontante Carmine Catizzone.

Giovanni Fedrigo ci offre un'altra perla e si confeziona una prestazione su misura che lo porta alla vittoria su un tenace Augusto Bosio ed un mai domo Vigilio Berti che perde terreno nel primo giro ma si impegna in una bellissima rimonta chiudendo a pochi secondi da Bosio.

Simona Massaro primeggia tra le donne B precedendo Rosella Bazzarello ed Elena Bargeo. Laura Vecchio corre da sola tra le donne A, ma non si perde certamente d'animo, corre grintosa e senza remore verso i maschietti in gara, primeggiando tra le donne.

Terminate le gare si ritorna presso il ristorante "la cascina" per rifocillarsi all'abbondante ristoro, sorseggiando buon tè caldo, tranne per gli atleti della Alina Bikecafè che al the preferiscono una pinta di birra perché va bene le gare, ma è il dopo gara  il vero obbiettivo di un gruppo gioioso come il loro.

Borse di prodotti vari per i vincitori ed un panettone, sono i premi per tutti i classificati.

Tra le Società svetta l'ASD team pedale pazzo che precede l'ASD bikers team di Chivasso e l'ASD Alpina Bikecafè.

GIANNI RICONDA