Home » Gare » CRITERIUM PALZOLA 2013 - 2014 » GRAVELLONA L. 22/12/2013

GRAVELLONA L. 22/12/2013

A GRAVELLONA LOMELLINA GARA DA FAVOLA

A GRAVELLONA LOMELLINA  GARA DA FAVOLA - MASTERCROSSMTB

GRAVELLONA LOMELLINA … GARA DA FAVOLA

 

Certe gare sono come i primi amori, non si scordano mai! Stanno lì in stand-by  per un anno ma poi puntualmente ritornano, con il loro fascino, con la loro struggente bellezza e il loro romanticismo. Una di queste è senza dubbio quella di Gravellona Lomellina  (Pv), con i suoi tre laghetti e le sue collinette che  sembrano  fatte apposta per girare un film  di Walt Dinsey  e invece sul bellissimo percorso di due km   corrono i centotrenta ( prendiamo nota, 130)  afecionados del Criterium Palzola, ospiti graditissimi di questo luogo sacro che quasi si dispiacciono di d'invadere  questa quiete ma si sa, the show mast  go on e con la sapiente e preziosa regia di Alberto “Brontolo” Filippini  prendono il via  gli attori  Cadetti/Junior che con veemenza e grinta si prendono la scena. Il ruolo principale come al solito lo recitano Gianluca Pivotto, Edoardo Beltrami , Adrea Bonollo e Manuel “Ballinetor” Ballini, tutti   pimpanti e aggressivi  che  se ne vanno in fuga ma anche Mattia Lunardi e Paolo Bravini  sono da lodare per il caparbio inseguimento. Aspetta  gli ultimi tre  giri Ballinetor, per sferrare l’attacco  che stava per regalargli l’ennesimo trionfo ma  poco prima del suono della campana un tubolare lo tradisce mentre era solitario al comando e addio sogni di gloria. Vince L’ex tricolore Gianluca Pivotto che ringrazia di cuore e Beltrami lo seguono sul podio in compagnia di Andrea Bonollo e "solo” quarto lo sconsolato "Ballinetor" che s’è  già dipinto sul viso i colori di guerra. Le gare dei super “A” di solito registrano un   monologo di Lucio Pirozzini e anche  stavolta è stato così. E’ fatto così l’alpino di Macugnaga, l’ultima parola è sempre la sua e  col caratterino che si ritrova è meglio non … contraddirlo anche se timidamente Flavio Sommaruga e Marco Cicca , almeno … ci hanno provato. Quella di Claudio Guarnieri non è stata la solita gara in surplace e forse pensava di fare  un allenamento e resettare altrove i suoi pensieri , magari a Belgioiso e invece ha dovuto penare parecchio per domare lo squalo di Mornago alias Vincenzo Vezzoli  che all’arrivo accusa una ventina di secondi accumulati per una caduta. Bene anche Lorenzo Volpi e Antonio Garbo. Anche i nostri Primavera  si beccano le raffiche dei flash delle digitali, belle foto  che condivideranno su face - book e le commenteranno con la consapevolezza che sia Nicolò Tumiati che Jacopo Barbotti  hanno limitato i danni sorretti dall’orgoglio ma anche oggi il cucciolotto Simone Ballini, figlio d’arte,  era  inarrivabile come pure lo status di primo della classe del senior Francesco Corradini che ha gradito  quell’abbraccio del pubblico e quegl’incitamenti cui anche i giudici hanno partecipato e che sono sembrati un premio ai suoi sacrifici e alla sua passione. Ottimo anche il comportamento di Marchino Colombo ed Emiliano Paiato che corre bene e ha grinta ma pecca nella scelta dei rapporti nelle uscite dalle curve ed è costretto tutte le volte a  … recuperare quei sei/sette metri che concede ogni volta. E’ bastato si e no un giro a Graziano Bonalda, tesserino da veterano, a dimostrare che è tornato il  primo della classe e lo status gli calza a pennello. L’ex  enfant prodige s’è prodotto in una recita da leccarsi i baffi che è sembrato un chiaro messaggio ai naviganti: “c’è il rischio che il fuoco che avete visto oggi divampi a Belgioioso e bruci le vostre speranze”. I destinatari oggi sono stati Luca Luraghi , Marco Locatelli e il rientrante Alex Monetta. Carattere, cuore e ... attributi sono il mix che  spingono Angelo Tosi e Massimo Valsesia  oltre le loro  possibilità. Hanno pedalato usando tutto il loro repertorio di scatti e  allunghi in ogni angolo del percorso e hanno sofferto, lottato, penato, forse pregato e alla fine , nel tratto più tecnico l’ex Tosi piega la resistenza di Valsesia ma non la sua tenacia. Insomma, il duello, quello vero,  è solo rimandato di una trentina di giorni. Fiatone e  gambe dure alla fine  hanno consigliato  a Simona Etossi  di “mollare” la presa consentendo alla biondissima Cristina Cortinovis di fare un ultimo giro da star , una passerella trionfale sul terrazzo di Gravellona con vista sul campionato italiano. Una gara tutta cuore,  quella dell’imprenditrice ed ex federale che si candida ancora una volta per un posto al sole. Più o meno lo stesso copione nelle donne “B” dove s’è imposta Barbarella Fanchini  ma la donna nuova del master,  Daniela Diprima,  c’è e con lei il bellissimo gruppo di “ nostre” donne , ben tredici che danno un tocco di classe al master Palzola che non ha aspettato Natale per far brillare la stella cometa, certo, oggi molti amatori del Palzola hanno … consegnato le richieste di regali a Babbo Natale e le consegne per molti arriveranno a Belgioioso.

[an error occurred while processing this directive]