Home » Gare » MB MARCELLO BERGAMO CUP 2017 » GOLASECCA 19-03-2017

GOLASECCA 19-03-2017

DUECENTOQUARANTA AMATORI IN RICORDO DI MIRKO

DUECENTOQUARANTA  AMATORI IN RICORDO DI MIRKO - MASTERCROSSMTB

DUECENTOQUARANTA  AMATORI IN RICORDO DI MIRKO

La perdita di un figlio è l’esperienza più dolorosa e traumatica che possa capitare nella vita, specialmente se hai solo 17 anni e una vita colma di speranze e aspettative  ancora tutte da vivere. A Golasecca Mirko Pellegrini era nato , qui viveva e qui lo avevamo salutato per l’ultima volta lo scorso anno. Tutto il paese si fermò per salutare  questo splendido ragazzo che nel nostro Master Mb Marcello Bergamo Cup si trovava a suo agio e ci seguiva dappertutto accompagnato da Mamma Cinzia vincendo anche molte gare. 

La sua morte ci colpi tutti quanti, vigliaccamente, come un  pugno dritto nello stomaco! I suoi familiari poi, furono devastati dal dolore ma, con la  dignità tipica delle belle persone  e con la forza d'animo straordinaria che  gli  riconosciamo da sempre, ci diedero una grandissima lezione di vita, infatti, prima ancora che i medici chiedessero se volessero donare gli organi, si fecero avanti loro: "Se proprio Mirko deve salire al Padre, almeno facciamo in modo che con i suoi organi viva altra gente". Oggi, sei persone vivono con   i suoi organi e inoltre Mamma Cinzia ci chiese formalmente se ce la sentivamo di organizzare una gara per ricordarlo. La nostra risposta fu tanto sensata quanto condivisa: " Cinzia, a nome dei Rapaci e degli amici di Mirko,  ti comunichiamo che non solo organizziamo la gara ma,  i premi li mettiamo noi e non saranno banali, come pure i trofei, le scenografie e tutto il resto e se riusciamo, pur senza sponsor, cercheremo di avanzare qualche euro da devolvere a quella causa che tu sai". E siamo qui, i Rapaci, gli amici di Mirko, la gente comune  e la sua bella famiglia è scesa in campo compatta e ha lavorato sodo tirando una volata pulita e perfetta con un chiodo fisso in testa, portare Mirko sul traguardo e fare del bene. Nella splendida location del centro sportivo di Golasecca che l’amministrazione comunale ci ha concesso gratuitamente, si sono riversati 240 amatori provenienti da tutto il nord Italia e anche dal Lazio per tributare un saluto speciale e un pensiero stupendo a Mirko che Mamma Cinzia e i suoi familiari hanno davvero gradito e quel lungo, interminabile applauso scaturito al taglio dei palloncini, tanti quanti i suoi anni, ripreso dalle telecamere di Fabrizio Gulmini, ci hanno fatto venire i brividi lungo la schiena.  

Tutti i fortissimi amatori, la crème del nostro movimento, hanno dato spettacolo e i nomi in cima alla lista delle varie categorie sono eclatanti, ecco i nomi :Laura Vecchio, plurititolata, Alessia Della Valle che di Mirko era Presidente societaria, Simone Bum Bum, Massimo Valsesia col suo palmares da paura, l’elvetico Michele Albertolli, Lucio Pirozzini, Giuliano Garlaschè, Bianco Federico, Simone Arici, Samuel “Zorro” Mazzucchelli, “Tuppe Tuppe Marescià” ossia Domenico Agostinone, Giuanluca Aguzzi e il giovanissimo Andrea Belotti e tutti quanti hanno dedicato la vittoria a Mirko. Chiediamo scusa se per una volta non decantiamo le gesta dei vincitori ma, almeno oggi, non vogliamo sminuire quello che per noi, ma crediamo anche per voi, non è stata semplicemente e banalmente una gara ma, è stata molto altro, oseremmo dire una poesia di Pascoli, una carezza amorevole di una mamma colma di dignità e amore per il prossimo, un romanzo che dovrebbe scrivere Camilleri, un omaggio ad un ragazzo con la ruota anteriore della sua bike sempre e perennemente impennata come i nostri pensieri, scombinati ma, orientati lassù verso quell’angolo di Cielo dal quale Mirko ha sicuramente gioito nel vedere quanti amici lo ricordano.  

Mamma Cinzia, d’accordo con gli organizzatori, ha voluto donare il ricavato della gara ad Antonella Cibin, Presidente della Onlus + di 21 Down per garantire ai suoi  ragazzi speciali  una gita quando il nostro master farà tappa a Trontano dall’amico Davide Bionda e ci incarica di ringraziare quanti, e sono tanti, hanno reso possibile questa giornata davvero intensa ed emotivamente indimenticabile, dai Rapaci agli amici di Mirko che da Ottobre sono impegnati in quest’opera, dal comune di Golasecca al Parco del Ticino per i permessi necessari, dalle mamme che spontaneamente hanno confezionato un mare di torte per il ristoro,  dalla Palzola che ci garantisce sempre  il ristoro alla Mb Bergamo per aver creduto nel nostro progetto e infine ad Acsi, un ente amatoriale che pullula di gente operosa e generosa sempre pronta a rimboccarsi le maniche e tendere una mano e quella tesa a Mirko resterà a perenne ricordo. Ciao Mirko, ci ritroveremo il prossimo anno. 

Carmine Catizzone