Home » Non solo master » I NOSTRI RAGAZZI ... » GIORGIO VIANINI E IL ... CICLOCROSS

GIORGIO VIANINI E IL ... CICLOCROSS

GIORGIO VIANINI E IL ... CICLOCROSS - MASTERCROSSMTB

 

Ciclocross che passione!

Già da un paio di weekend è ricominciata la stagione, i campi si sono affollati e le proposte del calendario moltiplicate.

 

(A   cura di Giorgio Vianini)

5 novembre - Stiamo assistendo ad nuova ondata di vigore per il ciclocross, tante volte chiamato “Ciclismo dei poveri”. 
 
  Diverse le motivazioni:
  -    Il ciclocross è attività alternativa a tutte le   discipline cicliste nel periodo invernale (strada, MTB, scatto fisso)
  -    Rispetto al ciclismo su pista è più pratico e più   divertente, essendo outdoor e vicino a casa
  -    La variabile del meteo non sempre ferma l’attività, anzi   spesso ne esalta la bellezza (fango, neve, pioggia….)
  -    La proposta di gare è diventata notevole e si trovano   competizioni in tutte le zone e non solo la domenica, specialmente durante le   festività, quasi sempre collegate a circuiti con una classifica finale
  -    L’intensità e la durata garantiscono un ottimo   allenamento in tempi brevi evitando estenuanti uscite su strada al freddo 
  -    L’orario pomeridiano degli eventi consente di sfruttare   la parte del giorno più tiepida
  -    Chi frequenta questo ambiente gode di uno spirito di   aggregazione e convivialità unica, che spesso non finisce con la gara
  Sicuramente ne ho dimenticate alcune ma direi che sono già abbastanza per   motivare questa passione. 
 
  I principali circuiti amatoriali attualmente organizzati sono:
  -    Criterium Varesino Acsi
  -    Criterium Palzola Acsi
  -    Giro del Veneto Acsi
  -    Coppa Piemonte Acsi
  -    Trofeo Lombardia-Piemonte FCI
  -    Trofeo Triveneto FCI
  -    Challenge Emilia Romagna FCI
  -    Trofeo Toscana FCI
  -    Adriatico Cross Tour FCI
  -    Umbria Master Cross FCI
  -    Trofeo dei Tre Mari FCI
  -    Challenge Puglia FCI
  -    Challenge Cicloclub Estense UISP
  -    Singlespeed Ciclocross Italian Series
 
  Oltre alle singole manifestazioni, come campionati dei vari enti e gare Top   Class FCI, spesso si affiancano le corse amatoriali. Unico punto su cui ci   sarebbe da lavorare è la concomitanza di gare sullo stesso territorio.   Personalmente sfrutterei anche il sabato, alternando una gara per circuito.
 
  Venerdì 1 novembre ho partecipato ad una tappa del Criterium Palzola, uno dei   quattro circuiti Lombardo/Piemontesi più gettonati. Percorso molto   spettacolare e fruibile nella sua totalità dal pubblico, che poteva seguire   le vicende della competizione stazionando in un unico punto. Il tracciato   veloce e ampio ha permesso uno svolgimento fluido nonostante i numerosi   partecipanti, partiti divisi per categorie a pochi minuti di distanza, e con   due partenza principali, alle 13:30 la fascia 16/47 e alle 14:30 la fascia   48/75 più  donne e primavera. Mi ha colpito molto il post-gara, rispetto   ad altri eventi ciclistici, dove quasi tutti si siano fermati alla   premiazione per condividere fino in fondo la giornata e ricevere (tutti) un   premio.
 
  Domenica 3 novembre invece trasferta  a Castelnuovo del Garda per   partecipare alla Prima Tappa del Singlespeed Ciclocross Italian Series: una   nuova esperienza un nuovo modo di pedalare, Ciclocross ma con un solo   rapporto che deve essere il più adatto in tutte le situazioni. Partenza di   massa stile “Braveheart” come sbandierato da “Spiedo”, uno dei motivatori e   organizzatori di queste strane e simpatiche garette, e percorso ondulato tra   le vigne delle colline moreniche del Garda. Bellissima gara e tanta voglia di   divertirsi. L’atmosfera è molto più rilassata; a parte i quattro o cinque   “forti” che lottano per la vittoria, gli altri si divertono da matti emulando   i campioni belgi e gioendo anche solo per aver finito. Ma la parte più bella   è il fine gara dove in ottanta ci siamo seduti nei locali del famoso   costruttore di telai Zullo, mangiando risotto, carne alla brace e polenta   arrostita. E ora via a lavare la bici.