Home » Gare » MASTER SPORT&SPORTS 2013 » GALLIATE 26/5/2013

GALLIATE 26/5/2013

POMELLA BOTTARINI E SLANZI DOMINATORI

 

LUCIANO POMELLA, PADRONE ASSOLUTO

 

E’ inutile nasconderlo,  questa gara, la 13^ del Master Sport & Sports, ha un sapore triste. La perdita di un amico fraterno come Diego Pomella, avvenuta due anni fa  – ci confida  Pierfranco Trivi -  mi ha sconvolto  e con me,  tutta la collettività di Galliate si sente orfana di un figlio che valeva tantissimo. La sua presenza – ci dice mentre una lacrima sbuca da sotto gli occhiali a specchio - “la sento”  mentre preparo il percorso e i premi ed è come se da lassù mi guidasse ancora e porre l’accento sul ricordo di Diego è un preciso dovere morale, un sacrosanto e doveroso  omaggio  ad  un uomo che ha fatto la storia della mtb nostrana e ha fatto divertire migliaia di appassionati.

Foto

 Con queste parole che ci ronzano  in testa, raduniamo i bikers nelle griglie di partenza finalmente baciate da un tiepido  sole e alle 9,30 in punto parte  il valzer  dei centodieci   amatori  che si sfidano su e giù per i canali stracolmi d’acqua e tutti s’aspettano l’ennesimo exploit dell’enfaint du pays e idolo locale, il senior Jacopo Bottarini che, detto per inciso ha corso un’ottima gara realizzando uno stratosferico tempo  di 1h, 17’ e 30’’  battendo gente quotata come Graziano Bonalda, Giorgione Rusca e Isacco Colombo ma c’è un amatore di una decina d’anni più … vecchio,  il  gentleman Luciano Pomella, capace  di realizzare il miglior tempo assoluto ( nove secondi meno di Bottarini)  in virtù di una condizione straordinaria che se mantenuta fino al 16 Giugno potrebbe regalargli un immenso brivido  tricolore, brivido al quale è abituato il secondo classificato , Massimo Valsesia che precede Roby Slanzi. Era un po che mancava il veterano Loris Saporiti per via di un tallone distrutto ma ora è tornato, completamente ristabilito e lo fa nel nostro master, un ambiente nel quale si sente a suo agio come un ovetto Kinder nel cioccolato al latte, e appena tagliato il traguardo domando un osso duro come Alex Monetta e Davide Bionda ci dà la grande notizia: “ in questi giorni mia moglie Giuliana ha fatto il test di gravidanza e a fine anno avremo una creatura”. La forza della vita! La soddisfazione per la bella prova sfoderata , lo junior Simone Bertolli la può tagliare a fette come un’anguria, anche perché ha battuto il capoclasse di categoria, quel Mattia Torraco sempre sorridente  e  presente nella “giostra” Sport & Sports . Il più forte dei cadetti? E’ Bianco Federico che infila la quarta perla su sette gare e si confezione un cadeaux da portare in sede Ecodyger  ma anche Simone Ballini e Alessandro Venegoni sono alquanto  felici di salire sul podio, è pur sempre una bella sensazione.

                                                                     Foto

 Non ci sono parole per spiegare la soddisfazione di un intero team, quello dell’Albertoni che tagliano il traguardo in … parata come il treno dell’Astana di Nibali, per primo passa , ed è normale, il capitano Lucio Pirozzini, poi il gregario di lusso Aldo Allegranza  con a ruota i luogotenenti Giuliano Garlaschè e Franco Bertona e infine chi c’è c’è, e a godersi  lo spettacolo  il patron Giulio Moretti  che ha fatto anche da buon samaritano aggiustando la catena rotta in corsa dalla donna “A” Alessia Della Valle permettendole  così di vincere  la gara mentre fra le donne “B” è la tedesca  Kathrin Oertel  a dominare su Marina Crestani e Sabrina Bellatti. Nei super “B” c’era un … galletto amburghese che dominava le corse, Ambroes Temporiti,  che per nove lunghi mesi era sparito per riapparire alla corsa dell’indimenticato Pomella e il motivo lo abbiamo chiesto a lui stesso dopo aver vinto la corsa del rientro su Fausto Bellotti e Gregorio Sottocorna:” El me dottor el ma dii che gh'avevi el mal de coeu, quindi el ma proibii de andà in bici. Dopo noeuv mes el s'accorgiuu che gh'avevi on bel nagott. Sara?! Ma per mi, el mè dottor l'è lu che lee  malà in del coo. 

Foto

 Il debuttante Marco Colombo ha corso una gara coi fiocchi e ha fatto capire ai pur bravi Piergiorgio Arrigoni e Daniel Sartore che è lui il capo del vapore, più o meno come il primavera 2 Alex Vieretti che ha spadroneggiato su e giù dai canali arrivando su una ruota sui tappeti di Renato Poletti dopo  aver  distanziato di oltre un minuto sia Gabriele Romano’ che Luca Bergamelli, stesso fermo immagine per il gigante buono e campione italiano ciclocross, il primavera 1 Thomas Beltrami che prevale su Thomas Schimizzi e Roby Sartore. Attimi di vera commozione prima della premiazione quando, alla presenza della Signora Pomella e figlia è stata scoperta la targa che ricorda il grande Diego Pomella a dimostrazione che il ciclismo è patrimonio di umanità e quel dito rivolto al cielo di Pier Trivi, amico fraterno della Pomella family dice molto, come pura la presenza in massa dell’amministrazione comunale di Galliate che ricorda un grande uomo, un grande sportivo, un grandissimo organizzatore. Ciao Diego, forever!

 

Carmine Catizzone