Home » Gare » MASTER SPORT&SPORTS 2013 » GALLIATE 15/09/2013

GALLIATE 15/09/2013

BOTTARINI E PIROZZINI ... SEMPRE LORO

 

BOTTARINI E PIROZZINI … SEMPRE LORO

 

 

Pierfranco trivi è un po il simbolo della mountain – bike di queste parti e la sua passione per lo sport e per la vita è sotto gli occhi di tutti. Col microfono aperto parla come un professore e tutti lo ascoltano con attenzione:”La famiglia Poirè – ha detto commosso-  ha gettato nel solco l’idea di questa gara e la famiglia Pomella l’ha coltivata con passione e amore.

                                                                      Foto

A me spetta l’ingrato compito di ricordarli entrambi e portare avanti la Gayalonga “. Alla fine sembrava  che  Pierfranco  avesse voglia di piangere dietro quegl’occhiali bianchi. In  centocinquanta, fra  amatori e cicloturisti,  si presentano al cospetto della  laboriosissima giuria di Alberto “Brontolo” Filippini e Marisa Tamburelli . L’ottimo , tempestivo e puntualissimo Renato  Poletti aziona i micro-chip con la  puntualità  del mio Breil e  la gran fondo parte con moltissimi big che si daranno battaglia a suon di scatti, allunghi e progressioni da cineteca. Li capiamo, in palio ci sono le  maglie di leader delle gran fondo BCC e il prestigio di scrivere il proprio nome fra i grandi della Gayalonga che ha compiuto 23 anni.

Foto

Il migliore dei giovani, partiti tutti insieme , è risultato ancora una volta lo junior  enfaint du pays Jacopo Bottarini  che con lo stratosferico tempo di 1h 54’ e 4’’ mette alle corde i quotati Denis Cocon, Luca Paniz e Marchino Colombo. Ottima la prova del veterano Carmelo Cerruto, dodicesima vittoria su sedici  prove disputate, il quale era convinto di far bene , ma non così … facilmente. E ha ragione a pensare :” Ma sono io che vado troppo forte o gli altri che vanno troppo piano”? Giriamo la domanda a Davide Bertoni , Domenico Agostinone e Andea Ganassi  che gli arrivano dietro alla spicciolata.

                                                                              Foto

Fate un monumento anche al gentleman  Puciano Pomella . Ha zittito tutti ancora una volta e questo succede ai campioni quando hanno motivazioni forti e quella di Pomella era di ricordare il collega Pisoni deceduto due settimane fa. Per la cronaca sul podio salgono con lui  un ottimo Massimo Tomasi e Ferruccio Baudin che ha avuto il suo daffare  a respingere sia Stroili che il duo della Chicchi Team Pittaluga e Scarponi.  Lo junior Christian Morlacchi è stato veloce come un razzo e s’è involato già alla prima curva con Luca Anastasi che s’è difeso alla stragrande giungendo nella scia dello scatenato Bicitime il quale a fine gara ha parole di elogio per i ragazzi di Trivi che hanno predisposto un tracciato davvero interessante e  tecnico che ha trovato il consenso di tutti, specialmente di Simone Bertolli che a fine gara scappa in ospedale da l suo bimbo nato due giorni fa. Auguri .

Foto

  

Sul fronte anziani, altro che Jake La Motta, il “toro scatenato” si chiama Pucio Pirozzini e lo sanno bene anche Giuliano Garlaschè e Daniele Sinigallia, messi all’angolo ma almeno … sono rimasti in piedi e la stessa identica cosa possiamo dirla del super “B” Matteo Petrucci, un’annata da incorniciare e lo sottolineano anche i battuti Ambroes Temporiti e Fausto Bellotti che arriva con una gomma afflosciata, come la speranza di batterlo questo terribile … vecchietto. In casa Ballini i talenti sono due, uno è il cadetto Manuel  che domina anche oggi su Marco Joppa e l’altro è il primavera 2 Simone che arriva col fiato sul collo di Alessandro Viaretti che ha sudato sette camicie per … tenerlo ma, i bello è che anche Niccolò Rovano e Gabriele Romanò arrivano in tre secondi, uno spettacolo che ha entusiasmato il pubblico!

                                                                             Foto

Le altre categorie registrano il trionfo di Pier Arrigoni nei debuttanti su Daniel Sartore, di Serena Mansa e Kathrin Oertel fra le dames e di Robertino Sartore fra i più piccoli che ha vinto su un pimpante Jacopo Barbotti. Bella e signorile come al solito la premiazione ma  prima , come da tradizione, ci si ritrova al corposo ristoro e pasta-party che i terribili “ragazzi” del centro Folliconi hanno predisposto.

Foto

Una sola nota negativa:la caduta di Mattia Torraco ex azzurro e campione italiano di Quad che per una brutta caduta è finito in ospedale e prontamente dimesso. Auguri campione.

  

 

Carmine catizzone