Home » Non solo master » LIVIO FORNASIERO » FESTA UDACE PADOVANA

FESTA UDACE PADOVANA

FESTA UDACE PADOVANA - MASTERCROSSMTB

Festa dell’Udace padovana, giunta alla 34^edizione

tra tanto entusiasmo, amicizia e volontà di fare ciclismo

Padova.

Serata conviviale nel ristorante “Al Gambero” di Cadoneghe, per la 34^edizione della “Festa dell’Udace Padovana” e premiare i protagonisti della stagione ciclistica 2011 ed invernale 2011-2012. Parterre di invitati delle migliori

occasioni, con una tavolata di ospiti di tutto rispetto, tra i quali: Riccardo Dal Ben, responsabile dell’Udace regionale; Antonio Facciolo, presidente onorario dell’Udace padovana; Mario Magro, ex presidente della CTP; Matteo ed Elisabetta Rampin, con Adriano Foffano, in rappresentanza della Dueffe Sport. Udace, che rappresenta il settore ciclistico amatoriale del dopolavoro, ed i numeri del Comitato provinciale padovano presieduto da Giuseppe Andreose, dimostrano che l’incremento di tesserati, oltre 2500 e 82 società. Giuseppe Andreose, alla Festa ha confermato, facendo gli onori di casa, che il settore amatoriale dell’Udace padovana è in continuo incremento, nonostante la regressione, con nuove squadre che si sono affiliate per questa stagione 2012 e relazionando l’attività svolta, ha espresso parole di elogio e stima nei confronti degli atleti ed un plauso anche verso i numerosi presenti. -“Stagione ciclistica di risultati positivi -ha dichiarato Andreose-, conquistati dai nostri atleti e questa festa, che è la 34^, ne dimostra l’affiatamento ed amicizia dei nostri numerosi tesserati alle varie società. Nonostante la crisi si ripercuote anche nel settore amatoriale, ma nonostante tutto, l’attività ciclistica amatoriale continua a fare il suo corso”. Numerosi i successi di prestigio conquistati dagli atleti padovani, con la Coppa del Mondo vinta da Walter Padovan e con due titoli europei su strada di categoria, grazie a Marco Toffolo, Gianmarco Agostini, Adriano Zerbinato e Monica Squarcina; di due titoli italiani di Luca Pegoraro ed ancora Gianmarco Agostini; altri due titoli tricolori su pista di Renato Sergio e Andrea Pinos. Altri tre campionati italiani vinti da Mirco Marin (Avis); Francesco Grasselli (Avvocati) e Angelo Bella tra i non vedenti, nel tandem con Giorgio Danesi alla guida. Due maglie iridate conquistate nella Coppa del Mondo di Mtb cross country da Emanuele Dapiran e Gianluca Boaretto, di un Boaretto che ha vinto anche il titolo italiano di categoria.

Lo stesso nel ciclocross, dove Paolo da Molin è stato profeta in patria vincendo il tricolore a Selvazzano tra i Super A, nella gara organizzata dal Gs Cicli De Franceschi, suo gruppo di appartenenza, così come Giovanni Sergiano, che ha vinto tra i Primavera. Protagonisti sfilati in passerella, con i nomi scanditi dalla viva voce dello speaker della serata, Roberto Gomirato. Ai numerosi vincitori dei tanti campionati minori che su strada hanno visto primeggiare: Dario Fusetti, Renzo Martinelli, Roberto Boaretto, Paolo Cavicchiolo, Giuseppe Moro, Daniele Oliviero, Nicola Trolese, Primo Chiggio, Renato Malvestio, Enrico Giusti, Daniela Meneghini, Giuseppe Chiarolla, Andrea Toderini, Dino Pistello, Luigino Zanetti, Stefano Volpato, Matteo De Boni, Pierluigi Melato, Agostino Temporin, Sergio Camon, Andrea Redi, Federico Bozza, Filippo Cogo, Paolo Benetton, Mario Marin, Francesco Pagin, Marco Bertolini, Luciano Guidolin, Giancarlo Da Riva, Mosè Segato, Luciano Fasolato. Protagonisti nell’Mtb: Letizia Selmin, Giorgia Battaglia, Luigi Lunardi, Leopoldo Legnaro, Valentina Donà, Elisa Cappellari, Manuel Piva, Daniele Fusari, Giacomo Scalzotto, Davide Battistello, Massimiliano Beggin, Monica Squarcina, Paolo Da Molin, Riccardo Tommasin, Matteo Cimiotti, Michele Marini, Paolo Mazzucco, Lucindo Magagnin, Manuel Boschetto, Roberto Scarparo, Ennio Numeni, Marta Masato. Nel ciclocross: Maurizio Busato, Claudio Dovigo, Christian Giusti, Giorgia Battaglia, Daniela Meneghini, Claudio Giusti, Lucio Salmaso, Natalino Sanguin, Elisabetta Perazzolo, Daniela Meneghini. Premiazioni anche per le società che sono state protagoniste durante l’annata ciclistica 2011 ed in questo inizio stagione 2012. Premiate le società che hanno trionfato nelle discipline ciclistiche su strada e sullo sterrato, alle quali è stato consegnato il “Superprestige Dueffe Sport”. Per l’agonismo su strada al Team Adige Vescovana; per il mountain bike al Team Morbiato Racing Bike; per il ciclocross la Cicli De Franceschi. Al secondo posto, rispettivamente: il Gs Iperlando, Euganea Bike e Bike Benato; al terzo posto: Tre-Bi Elisa, Stones Bike e Tecnoimpianti. Premiate le società benemerite, per aver organizzato manifestazioni importanti: l’Asd S.Eufemia e Asd Massanzago, per aver organizzato il Campionato Europeo su strada; il Gs Cicli De Franceschi, per la splendida organizzazione del Campionato Italiano di Ciclocross; il Veloce Club Baone per la regia organizzativa del Campionato Italiano bancari di Mtb. Premiazioni e benemerenze alle società che hanno partecipato con i suoi atleti con maggior presenze nelle gare in provincia di Padova: Team Adige Vescovana al primo posto; l’Asd S.Eufemia e la Mas Arredamenti, rispettivamente al secondo e terzo posto. Riconoscimenti anche alle società che hanno organizzato più gare, con il Gs Massanzago al primo posto con 5 ottime manifestazioni, al secondo posto l’Asd S.Eufemia e l’Asd cartuga con 4; al terzo il Gs Tecnoimpianti con 3; seguono: il

Gs Sellaronda Pionca, il T.Bike, il Team Este Bike, il Vc Baone, il Gs Valsanzibio

ed il Vc Anguillara, con 2 manifestazioni organizzate. Un premio speciale all’Asd Biciverde per essere la società padovana con maggior iscritti, ben 130. Una festa, quella dell’Udace padovana, che ha visto la partecipazione di quasi 170 persone, le quali, alla fine della serata, hanno alzato i calici per il brindisi di augurio, per una stagione ciclistica 2012 di grandi risultati positivi.                                                                                          

                                                                                            Livio Fornasiero