Home » Non solo master » I NOSTRI RAGAZZI ... » DOVE VA IL CICLOCROSS? .... SEGUITECI

DOVE VA IL CICLOCROSS? .... SEGUITECI

DOVE VA IL CICLOCROSS? .... SEGUITECI - MASTERCROSSMTB

DOVE VA IL CICLOCROSS? venerdi' 7/9/ 2012 

 

Guidare un Master non è di per sé facile o difficile. L’importante  secondo me, è avere molto chiari gli obbiettivi che ti prefiggi, saper valutare le forze che metti in campo. Personalmente ho la fortuna di avere e mettere in campo amici veri, che ti supportano, a volte sopportano, ma il rispetto tra noi è sacro. Il primo obbiettivo è quello di saper creare un gruppo coeso, composto da amici veri, che consenta agli utenti , anche gli ultimi arrivati, di poter contare su una base solida e livelli relazionali che funzionino, delle scenografie decorose e un ritorno d’immagine attraverso foto, filmati e cronache che ..raccontino le loro gesta.

                                           

Il gruppo c’è sempre stato e si relaziona anche fuori dal palcoscenico sportivo mentre per le vicende relazionali occorre molta pazienza , molto tempo e una buona dose di disponibilità che ci fa dire con orgoglio:” condividiamo la stessa passione per bicicletta, diamo sfogo alla mostra passione nel rispetto reciproco e il divertimento è assicurato, del resto tutti noi apparteniamo a dei gruppi e sappiamo che bisogna sempre misurarsi con se stessi e con gli altri”. Io credo di essere fortunato perché nel mio gruppo tutti hanno il diritto di sentirsi coinvolti, a tutti i livelli e a tutte le età, perché tutti hanno qualcosa da dire, basta saperli ascoltare. Io ho ascoltato tutti, anche le menzogne ma ho raccolto il grido di dolore di chi ama veramente  il nostro sport  all’idea che non organizzerò più il master di ciclocross. Il resto lo raccontiamo domani, seguiteci , ci sono delle novità che vale la pena leggere….. a domani.

CARMINE


DOVE VA IL CICLOCROSS? SABATO 8/9/ 2012


Un Master non è un digestivo, né un Campari con soda che una volta shakerato lo si dà da bere agli utenti. Per come lo intendiamo noi del gruppo ciclocross e mountain – bike , un master è una sorta di film da proiettare in multisala perché … profumati da contenuti sportivi e morali  importanti, tanto che ci fosse  da assegnare un Oscar, non dico che lo vinceremmo ma, concorreremmo quanto meno per le nomination. Tutto ciò è possibile, oltre che per la nostra sana passione, dalla possibilità di avere a fianco fior di sponsor  che col sorriso sulle labbra ci hanno , grazie a Dio, sempre sostenuti. Ricordo e ricorderanno molti di voi, che quando annunciai in una mia premiazione che lo sponsor storico Ghidoni  ci lasciava dopo 20 anni di gemellaggio, il Sig.r Antonio Garbo ( la maiuscola non è un caso) ha alzato la mano e con lo stile tipico dei galantuomini ci chiedeva se poteva subentrare. Detta così sembra un’ analisi perfetta, se non fosse che non tiene conto che del fatto che ogni rosa, anche la più bella ha delle spine, grazie alle quali il giocattolo s’è rotto. Irrimediabilmente! Non starò certo qui a  …  gettare gli stracci che peraltro non interessa nessuno o quasi, ma una cosa è certa: chi caccia i soldi per sponsorizzare,  merita rispetto e va gratificato. Così non è stato né per la famiglia Garbo , né per la famiglia GM Ceramiche. La colma è stata anche mia che certe regole, col senno di poi, avrei dovuto scriverle e contro firmarle, anzichè pensare che il buon senso regna sovrano. Volendo vedere il bicchiere almeno un pò pieno, è giusto sottolineare che dagli errori s’impara, eccome se s'impara! Persi gli sponsor GM Ceramiche e Garbo, generazioni di brave persone che meritano i più alti sensi di stima, dalle loro ceneri potrebbe nascere un’araba fenicia. Insomma , questo master di ciclocross si farà oppure no? Questa domanda è molto intrigante, va ben ponderata, soppesata, studiata  e va affrontata con quello spirito di rispetto che è sempre stato i nostro marchio….

A domani per il seguito…..

Carmine


DOVE VA IL CICLOCROSS LUNEDI' 10/9/2012


Nel corso della mia storia e carriera ciclocrossistica ho avuto la fortuna di imparare l’arte da gente del calibro di Torresani, Santandrea, Dall’Oste, Pivotto e poi di trasmetterla a quanti  s’avvicinavano con entusiasmo a questo fantastico mondo. Anche a livello organizzativo credo di aver fatto molto, basti pensare che solo nel comitato di Varese organizzavo 3 gare di cross e altrettante di MTB  senza mai chiedere in cambio un euro e , senza contare quanto lavoro , io e i miei amici abbiamo fatto assolutamente in modo volontario impiantando anche gare titolate. Oggi sono costretto a lottare per qualche cosa che forse davo per scontato e mi trovo a resettare i concetti d’amicizia che all’ombra del Sacro Monte sono stati calpestati.


Non cadrò nell’errore di credere  di aver fatto qualche cosa di grande per il ciclocross in tutti questi anni, non ne sono capace e in umiltà vorrei creare un nuovo progetto, una creatura che vedrà la luce fra un mese . Si , fra un mese partiremo con un master nuovo di zecca. Ce lo chiedono i ragazzi che ci leggono l’anima ed è per loro e il loro affetto che il mio spirito d’ iniziativa s’è rimesso in moto , spronato dagli amici di sempre che insieme a me sono pronti a condurre con sacrifici personali  questo nuovo film. Il cast è di tutto rispetto, dal presidente operaio Alberto Filippini  che come sempre scenderà con noi in campo armato di stivali e guanti da muratore per preparare le scene, al presidente milanese Fabrizio Scaramuzzi, un uomo che dice sempre quello che pensa e pensa sempre a quello che dice, e poi il presidente biellese Stefano Acquadro con Gianni Riconda che in fatto di lavoro è un caterpillar. Lungi da me l’idea di ingenerare equivoci e alimentare falò dei quali ne facciamo volentieri a meno ma,  è mia modesta opinione che occorre ripartire con un chiaro confronto con i comitati sopracitati e collaborare attivamente con la base alla quale diremo forte e chiaro: "noi non tiriamo nessuno per la giacchetta, vi offriamo un prodotto che pensiamo sia di livello, fischi o consensi  decideteli voi”. Difendere la nostra storia e i valori significa portare il giusto e doveroso rispetto a tutti, dal vertice alla base, ma è anche giusto pretendere rispetto e verità perché l’arte dello “Scilipotismo” non ci appartiene.


Domani vi racconto com’è avvenuta la trattativa col nuovo sponsor che è ….

DOVE VA IL CICLOCROSS ? MERCOLEDì 12/9/2012

Per capire bene il presente, bisogna necessariamente fare un tuffo nel recente passato! Tre anni fa , nel bel mezzo del mese mariano, ricevetti  una telefonata. Pronto Catizzone? Si. Sono Fabrizio Casagrande, impiegato alla Palzola e Presidente della società podistica dell’azienda. Mi servirebbe un gonfiabile d’arrivo per una gara che stiamo organizzando a Maggiate. Mi può aiutare? Avrà il gonfiabile , stia tranquillo. Il giorno della gara diluviava ma mi presentai con tre gonfiabili e il “nostro” Fabrizio fece un figurone. Quando ci salutammo mi chiese cosa mi doveva. Guardi, ci faccia una piccola donazione  per i nostri disabili che al primo sabato di Luglio porteremo in gita in montagna. Anzi, venga Lei stesso a Macugnaga, sarà nostro ospite. Venne con moglie e figlioletto di circa 5/6 anni e dal baule della sua macchina scaricò tante vaschette di gorgonzola, quanti erano i … ragazzi speciali. Lo ringraziammo in diretta ma al microfono non riuscì nemmeno a parlare, tanto era emozionato. Seppi molto tempo dopo che il suo bambino era molto malato e si sottoponeva a  delle chemioterapie, quindi capiva benissimo cosa volesse dire avere come amica la disabilità. Qualche mese  dopo fui convocato in azienda , la tanto blasonata Palzola. Qui conobbi il proprietario, Sergio Poletti, il quale mi chiese di rivestire alcuni gonfiabili con il loro logo e da allora sono presente ad ogni loro iniziativa, anche enogastronomica. Veniamo al presente. Martedì scorso mi reco a salutare  … ul sciur Palzola e col cuore in mano chiedo se ha dieci minuti per me:” Signor Sergio,  mi rendo conto che non è il momento  ma, siamo rimasti senza sponsor, i nostri amatori sono persone perbene e meritano rispetto. Lei è un cicloturista e uno sportivo vero,  ci può  tendere una mano”? La risposta fu  di quelle da sottolineare  in rosso : “Io e il mio gruppo abbiamo deciso di non sponsorizzare più nessuno, dobbiamo pensare alle famiglie di nostri lavoratori. Detto questo però , a uno come lei non posso e non voglio dire di no. Ho visto sul campo cosa fa, quanto s'impegna, come si comporta  e quanta passione mette in ciò che fa. Stia tranquillo perchè tutti gli sportivi attraversano momenti difficili e il modo con cui affrontano i problemi danno la misura esatta del loro carattere. Le staremo vicino”. Mi sentii sollevato, ma allo stesso tempo vero. Capii che ero stato accettato per quelloche sono, senza scendere a compromessi  ma , semplicemente essendo me stesso e  senza mezze misure. Ora è ufficiale , il Master di ciclocross si farà e si chiamerà Master Palzola. Faranno parte del master tutte le gare di Alberto Filippini, quelle del comitato di Milano gestito da F. Scaramuzzi e alcune del comitato di Stefano Acquadro.  Mi piace ricordare in questa circostanza, tutte quelle persone che mi hanno chiamato nei mesi scorsi chiedendomi di non abbandonarli. Vorrei nominarli  tutti ad uno ad uno ma ometterei senz’altro qualcuno. Ho  apprezzato la professionalità , la passione e l’entusiasmo di moltissimi miei colleghi amatori ma voglio citarne uno a nome di tutti che per amore del nostro gruppo ha rinunciato a molto in cambio di poco,  Gregorio Sottocorna. Nei prossimi giorni annunciamo il calendario. Ci saranno delle novità e sicuramente apprezzerete qualche gorgonzola –party come quello che lo scorso anno facemmo a Borgo D’Ale. Parola di Carmine Catizzone.


 DOVE ERAVAMO RIMASTI?

Come dicevamo nelle puntate scorse, è ufficiale, la grande Palzola scende in campo con noi amatori ciclocrossisti. Tendendo l’orecchio s’odono chiaramente gli squilli di trombe di un cambiamento necessario per tenere a galla questa specialità francescana, consapevoli del fatto che dobbiamo liberarci di politici e faccendieri e dei loro mal di pancia che sono un fardello e non una risorsa. Siamo stati lungimiranti a dotarci della possibilità di divulgare , con una bella operazione di marketing  e di comunicazione , quel ritorno d’immagine che non guasta mai.  Resistendo alle sirene d’Ulisse, oggi  possiamo fornire ogni tipo di promozione. A costo zero! Forniremo, come abbiamo sempre fatto, foto , filmati e magari una raccolta di cronache e commenti della stagione e la elargiremo gratuitamente, perché così si costuma da noi. Io e il mio gruppo, che la storia della nostra unione sportiva l’abbiamo vissuta da oltre trent’anni, abbiamo imparato che giustizia, fraternità, serietà e passione sono battaglie che si vincono sempre se vi partecipano uomini e donne di buona volontà. Stiamo cercando insomma, di offrirvi dei servizi decorosi senza mai esagerare e cercando di mettere gli atleti sotto i riflettori e magari con il marchio dell’Udace e della Palzola in bella mostra. Com’è giusto che sia.

Carmine Catizzone

 

 

CRITERIUM PALZOLA  2012/3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OTTOBRE

 

 

 

 

DOM

14

CERRO MAGGIORE

MI

GARBAGNATESE

 

 

SAB

27

VINZAGLIO

NO

NOVARA CHE PEDALA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOVEMBRE

 

 

 

 

GIO

1

SANTHIA' 

 

TRE MARCE BIKE

 

 

SAB

3

BORGOSESIA

VC

VELO CLUB VALSESIA

 

 

DOM

11

GARBAGNATE MIL.

MI

GARBAGNATESE

 

 

SAB

17

FONTANETO D'AGOGNA

NO

FONTANETESE BIKE ADVENTURES

DOM

25

BOGOGNO

NO

NOVARA CHE PEDALA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DICEMBRE

 

 

 

 

DOM

2

COMAZZO

MI

ASD COMAZZO

 

 

SAB

8

CAVALLIRIO

NO

ASD CAVALLIRIO

 

 

DOM

23

GRAVELLONA LOMELLINA

NO

NOVARA CHE PEDALA

 

 

MER

26

BORGO D'ALE

VC

PEDALE PAZZO

 

 

DOM

30

MONCRIVELLO

VC

PEDALE PAZZO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GENNAIO

 

 

 

 

DOM

6

MERCURAGO

NO

PEDALE ARONESE

 

 

DOM

20

CAMPIONATO ITALIANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FEBBRAIO

 

 

 

 

 

 

 

 

DOM

10

AUZATE

NO

ALBERTONI FAR

 

 

LA GARA DI SANTHIA' SARA' CONFERMATA ENTRO DUE GIORNI, NEL CASO DI FORFAIT SUBENTRERA' IL NOSTRO PRESIDENTE OPERAIO A.FILIPPINI CON UN'ALTRA GARA INEDITA DA ORGANIZZARE A SUNO.