Home » Gare » CRITERIUM PALZOLA 2014 - 2015 » COMAZZO 7-12-2014

COMAZZO 7-12-2014

DOMINIO DI COLOMBO, ESPLOSIONE DI LOCATELLI E … FINALMENTE CRIVELLARI

DOMINIO DI  COLOMBO, ESPLOSIONE DI  LOCATELLI E … FINALMENTE  CRIVELLARI - MASTERCROSSMTB

DOMINIO DI  COLOMBO, ESPLOSIONE DI  LOCATELLI E … FINALMENTE  CRIVELLARI

Eccolo, come in un film. Lo spettacolo andato in scena a Comazzo, nella multisala del dell’ Acsi dove davano l’ottava scena del Criterium Palzola nel “teatro” fascinoso della fontana Pertusati, quella degli innamorati, dove i protagonisti si sono misurati con illustri attori titolati dando  sfoggio della propria bravura sottolineata dagli applausi del pubblico. In cabina di regia in “nostro” Angelo Bonalumi, abile giudice di gara e presidente del G.S. Comazzo che con l’aiuto dello sponsor storico Auto Liscate di Bruno Agostino e il patrocinio del comune ottimamente rappresentato dal dinamico ass. all’ambiente Mauro Ferramola ha radunato la crema del ciclopratismo. La laboriosissima giuria di F. Scaramuzzi, puntualissima, spara lo start per i gentleman e subito s’intuisce che Marco Locatelli è più determinato del solito, s’invola col folletto Angelino Borini e non nega mai un cambio mentre  dietro insegue la coppia Ca’ Di Ran formata da Vacchini e Slanzi. Tutti aspettano il botto di Borini ma invece a metà gara è Locatelli che cala il jolly, allunga in salita e si trasforma in Superman, piega, anzi, spezza la resistenza del titolato avversario e porta in trionfo la sua divisa nero-arancione e consolida anche la leaderschip  nella generale. I super “A” Licio Gelli e marco Ciccardi? Due … giovanotti dai capelli d’argento e non per la tintura, con qualche acciacco e e qualche ruga sul volto ma ragazzini dentro. In corsa lottano, sudano, attaccano studiandosi a vicenda e danno spettacolo. Anche a Comazzo è così, fuga a due e dietro il vuoto, al suono della campana sono ancora insieme come Sandra e Raimondo ma ul Cicca l’è furbo e haancora benzina in corpo e alla fontana Pertusati è solo e intanto studia il suo arrivo sotto il gonfiabile che avviene in … retromarcia, e già, perché la gara è gara ma è anche divertimento e forse anche cura. Nei super “B” ancora un Lucio Pirozzini formato super domina in lungo e in largo e noi non abbiamo più aggettivi per questo giuinot che vive di sport  e non perde una gara neanche a sparargli, cosa che farebbero  volentieri  ( il condizionale è d’obbligo) i vari Vincenzo Vezzoli , franco Bertona e Matteo Petrucci pur di levarselo di torno. I talenti non hanno confini e sul palcoscenico di Comazzo, anche se con luce a sprazzi, si rivede una solida Cristina Cortinovis , donne “A” , che bissa il successo del giorno prima a Belgioso battendo nettamente  Lucia Rossi esattamente come Daniela Di Prima che però ringrazia la dea bendata per aver fatto litigare Super Simo Etossi con il cambio della sua specialissima mentre si trovava nettamente in testa. Per la cronaca sono  Sabrina Bellatti e Paola Cantamessa che occupano il podio ai lati di Daniela Di  Prima.  Mi sento davvero in forma, le ho vinte tutte e ora ho la possibilità di misurarmi con miglior senior in circolazione, queste le sincere  parole di Marchino Colombo poco prima di entrare in griglia e in effetti ci ha colpiti la grinta e la determinazione che ha scaricato sulla sua specialissima in carbonio firmata Raschiani che gli sta come un abito firmato. Corradini insegue ma accusa 20 secondi al giro, Franco Barbazza è più distante ma si difende, per Colombo è un banco di prova e non si risparmia nemmeno quando lo speaker Caputo  gli comunica che ha oltre 50” a metà gara, lo capiamo, per lui è un test anche se, diciamo noi, Corradini entrerà in forma quando serve e cioè agli italiani fra circa un mese mentre Colombo ci sembra già troppo in forma. La gara più bella, incerta e sofferta è stata senza dubbio quella dei veterani. Tre uomini in fuga, Vincenzo Crivellari che sogna una vittoria di prestigio, Isacco Colombo che spera di … suonarle a tutti e Davide Arcani  che fra i due litiganti vorrebbe godere. E’ un festival di emozioni, scattano a turno e Daniela Di Prima  che a Crivellari lava i calzini strabuzza gli occhi. E’ una guerra, si sparano a vicenda e tre giri dalla fine scatta forte Colombo ma, ahimè, sbaglia il conto, pensava mancassero due giri e va in riserva ma trova la forza di resistere, alla fine è volata e incredibilmente vince Crivellari su Colombo arrivando sfinito ma, trova ancora la forza di dedicare , con un filo di voce , la vittoria a Daniela , la sua compagna di vita e di sport.  Lo junior Manuel Ballinetor intasca, come da copione, lo scontato successo offrendo in cambio uno spunto agonistico di tutto rispetto che lo porta a conquistare anche Comazzo ai danni del trentino Angelo Pederzolli e Riki Riva e siccome in casa Ballini  la spesa la fanno i … pargoli ( se aspettiamo papà Ballini facciamo la fame) , il cesto con ogni ben di Dio lo porta a casa anche Simone, primavera con la vocazione per le maglie tricolori. Chiude la saga delle vittorie il debuttante Federico Stani, un bravo ragazzo che dignitosamente e orgogliosamente veste i colori di RC Errre Raschiani. Premiati tutti, rifocillati tutti e donazione spontanea del team organizzatore per i nostri amici che lo sport lo vivono da una sedia a rotelle. Anche questa è ASCSI!