Home » Non solo master » LIVIO FORNASIERO » CICLOAMATORI CASTELMASSA ... A TAVOLA

CICLOAMATORI CASTELMASSA ... A TAVOLA

CICLOAMATORI CASTELMASSA ... A TAVOLA - MASTERCROSSMTB

                                        

          Gs Cicloamatori Castelmassa in festa

 

Castelmassa (Ro). Presso il Ristorante Le Marachelle di Badia Polesine si  è svolto il tradizionale pranzo di fine stagione agonistica del “Gruppo Sportivo Cicloamatori Castelmassa”, alla manifestazione hanno preso parte tutti  gli  iscritti con le loro famiglie, tantissimi amici, simpatizzanti e gli ospiti come il presidente provinciale Graziano Barbierato ed il Fiduciario Coni Altopolesine,  Arturo Faedo. La festa è iniziata  con il discorso del presidente del Gs Castelmassa, Raffaele Vincenti,  che ha illustrato l’attività ciclistica dell’annata sportiva 2012, fatta di tanta partecipazione alle manifestazioni programmate tutti i fine settimana, il Cicloraduno organizzato a Castelmassa in aprile denominato  Memorial Elisa Ravagnani e tutte le comunicazioni che come consuetudine vengono fatte in questi casi, come i ringraziamenti alla Provincia, Comune di Castelmassa, alla Fedeerciclismo ed al Coni.

Dopo un lauto pranzo sono iniziate le premiazioni che hanno visto primeggiare Tonino Simi con 51 presenze, seguito dal presidente Raffaele Vincenzi con 49, Ivo Mazzali e Antonio Bettola con 46, Gabriele Ragazzi e Carlo Gennari con 41, Paolo Negri e Claudio Pulga con 33, Massimo Bonfanti e Umberto Mazzali con 32, seguiti dalla inseparabile coppia: Alberto Turrini e Giovanna Andreotti con 28, a seguire  tutti gli altri. Fra i tanti discorsi fatti, le elezioni provinciali, regionali e nazionali a cui la società ciclistica amatoriale rodigina è chiamata a dare il suo contributo e la tradizionale festa provinciale programmata per il giorno 17 novembre prossimo venturo. Tante prerogative, dopo il riposo invernale e tanti programmi per un’altra stagione 2013 delle due ruote, per continuare l’attività come sempre accade da 35 anni a questa parte, e non è poco.

                                                                                                    Livio Fornasiero