Home » Gare » MASTER SPORT&SPORTS 2013 » CASTANO PRIMO 14/7/2013

CASTANO PRIMO 14/7/2013

CASTANO PRIMO , E' QUI LA FESTA

 

AGOSTINONE E BERTOLLI, PROFETI IN PATRIA

 

La gara di Castano Primo del Master Sport & Sports è una favola che si aggiorna ed è impregnata di quella magica atmosfera che da sempre circonda l’HR Team Bortolami del Presidentissimo Biagio Celozzi, un uomo votato al sacrificio che si danna l’anima, unitamente ad una miriade di volontari, per allestire quella che più che una gara è un’autentica festa. Questa gara, spettacolare per chi la corre, ma anche per chi la osserva, ha regalato forti emozioni per via di molti big che sono … figli  degni di essere annoverati fra i grandi. Prendiamo i veterani: pensare che Domenico “maciste” Agostinone potesse dominare la sua categoria non è certamente un peccato mortale e lo ha dimostrato ampiamente ai pur fortissimi rivali Andrea Ganassi, che per metà gara è rimasto con lui, Roberto Pasin e Davide Bionda che alla fine devono ammettere che oggi  Domenico ha strameritato  i gradi del migliore della classe. Anche lo junior di casa, Simone Bertolli, ha dimostrato che forse non sarà mai un cannibale ma è sicuramente un leader aggrappato all’idea che ha muscoli e cervello e sotto gli occhi lucidi di suo padre e della sua compagna regala alla sua squadra e a se stesso una vittoria da incorniciare battendo il triatleta  Mattia Torraco e i bravi Manuel Calcaterra e Moreno Sibilia. Il sogno di rialzare le mani al cielo ma, anche di battere un uomini  forti  e preparati come Jacopo Bottarini e Graziano Bonalda  si è avverato per il senior Marchino Colombo  e non ha dovuto “strofinare la lampada” ma semplicemente fare ciò di cui è capace: pedalare forte e tenere un’altissima frequenza di pedalate. Gongola  il presidente Giuseppe Nizzola della Cà di Ran - Raschiani che se lo mangia con gli occhi lucidi di gioia, come pure la Ballini family che vedono trionfare il loro cadetto Manuel, campione italiano di ciclocross ma a suo agio con la mtb visto che otre a battere i temibili Daniele Cozzi e Marco Mora è anche leader di categoria nella generale con un vantaggio abissale. La vittoria del super “B” Matteo Petrucci è un … copia e incolla che dura dall’inizio dell’anno e il bello è che la cartuccia sembra ancora piena di inchiostro e lo sanno bene i suoi sconsolati avversari Fausto Bellotti , Ambroes Temporiti e ... l’anoressico Gregorio Sottocorna che si consola scrivendo poesie, chissà se ne scriverà una per Lucio Pirozzini, super “A” che tiene molto all’igiene personale ma, oggi poteva anche non lavarsi a fine gara, tanto, non ha nemmeno sudato e in corsa sembra aver fatto poco più  che una pedalata della salute battendo i suoi gregari Franco Bertona e Giuliano Garlaschè. Sul ponte di comando dei gentleman è tornato il comandante e una volta preso il timone ha disegnato la rotta che voleva. Questa in sintesi la prova di Roberto Slanzi che da vecchio lupo di mare ha calmato i venti che soffiavano da Massimo Tomasi, Valter Scarponi e Stefano Cavallin e conduce in porto un’altra bella vittoria. Che bravo il ragazzino primavera 1 Robertino Sartore, vince davvero agevolmente su Jacopo Barbotti e Nicolo’ Tumiati ma anche Stani Federico, primavera 2, ha corso bene trionfando su Alessandro Viaretti  e  Gabriele Romano’. Straripante nelle donne “B” Kathrin Oertel, che porta alla Iride Cycling team una vittoria dal gusto inebriante battendo la Clamas - girl Sabrina Bellatti e l’onnipresente matriarca Clara Perletti. Chiude la saga delle vittorie Daniel Sartore, debuttante di belle speranze e dopo un mega ristoro tutti gli iscritti vengono premiati e a microfoni aperti Biagio Celozzi ha parole davvero belle per tutti i suoi collaboratori, anzi  amici,  senza i quali non si va da nessuna parte e quando ha pubblicamente ringraziato la Botolami Bike Action, la Silea S.R.L., la  Sicurauto e la MB Marcello Bergamo tutti quanti hanno applaudito, sottolineando così il concetto che senza questi amici sponsor , le feste sportive restano dei sogni che riposano in un cassetto.

 

Carmine Catizzone