CANAL

CANAL - MASTERCROSSMTB

 Canal 

 

Vardo fora dal balcon

non riesco a ciapar sono.

Xe le tre. Son sonae da on toco.

Vardo el canal xe imobile.

Esce d’ on boto, ona gondoa

da on rio, silensiosa lava via

lisia, pian, pian sensa fa rumor.

Come una parpaja de primavera

che la vola in fior in fior.

Dolsi ricordi in de la mente

ricominsa a viver fora, zorni felisi

de cor de puto, dave tute le piere me conoseva

i canal non gh'haveva segreti i canton

più nascosti xerano nostri picoj nidi d' amor.

Quanti basi? Tanti! Mai troppi.

Le prime carese i primi sospiri i primi musi lunghi.

Le corse sfrenaee sù per i campi per calì.

Quanti macoli gh'han tira drio i vecci bacuchi.

Poi la partensa in tera ferma a lavorar

a quadagnar la vita meter su casa alevar fioj

farli studiar e tuto el resto che vien drio ......

e dopo tanto tempo...ormai vegio e solo

son quà a vardar el canal...

come on mona, che non sa scordar.

 

                                               Nonno Berto