Home » Gare » CRITERIUM PALZOLA 2014 - 2015 » BORNATE 21/11/2014

BORNATE 21/11/2014

A BORNATE VINCE COLOMBO E LO SPORT SOLIDALE

A BORNATE VINCE COLOMBO E  LO SPORT SOLIDALE

 

La Rapacissima Silvia Bertocco , il suo   Velo Club Valsesia, i Rapaci del ciclocross e  gli amici del Master Palzola, hanno chiamano tutti a raccolta a Bornate per la disputa della terza prova del fortunato Criterium sponsorizzato da quel grandissimo appassionato di ciclismo che risponde al nome di Sergio Poletti “ul Sciur Palzola”, e nel piccolo ma laborioso borgo, proprio  dove la  provincia di Vercelli, inizia ad   arrampicarsi verso la Valsesia e  grazie alla Borini Family e  al volenteroso Bruno Peroglio che  mangiano ancora pane, polenta e ciclocross da colazione a cena, hanno mandato in scena una bellissima gara sotto gli occhi compiaciuti del massimo responsabile Acsi Settore Ciclismo Emiliano Borgna.  Partono i gentleman e il folletto Angelo Borini già dalle prime curve lascia intravedere la sua giornata perfetta. Lucido, scattante, chirurgico, fa un po quello che vuole nonostante la strenua  resistenza di Silvano Migliorin e il sempre più convincente Marco Locatelli che arriveranno nell’ordine ma, ci teneva Angelo Borini  a vincere, se non altro per i suoi bimbi che come al solito fanno un tifo infernale. Fra Claudio Biella e la vittoria sta nascendo un motivetto che ci ricorda quello della grande Mina, questione di feeling. Appunto! La sta imparando a memoria il neo super “A” e portacolori della società organizzatrice e anche ieri l’ha cantata a Marco Ciccardi e Oto Batilde rompendo quel precario equilibrio di forze e proponendosi come leader di categoria, sempre che tenga ben calde le corde vocali. Nulla di nuovo invece nella categoria dei templari, quella dei Super”B”, il combattente più  spietato è sempre lui, Lucio Pirozzini, capace di vincere in tutte le specialità ed è padrone del suo destino anche se, Franco Bertona e Vincenzo Vezzoli non partono mai battuti, in fondo Pirozzini è un uomo e non è mica onnipotente. In pool nei veterani , due mostri sacri, Davide Montanari e Orlando Borini

                                                                          

ci…invitano a gustarci uno scontro titanico che dura pochissimo per via di due bucature che penalizzano pesantemente il reggiano il quale  deve arrendersi quasi subito e da lì in poi per Orlando è poco più che un allenamento senza nulla togliere a Vincenzo Crivellari e Massimo Tinti ma, Borini ha nelle gambe un Everest di chilometri nelle gambe e difficilmente va in riserva. Ancora una strabiliante vittoria con cavalcata solitaria dal primo all’ultimo metro per il senior Marchino Colombo:” Per il momento tutto sta andando per il verso giusto, è il mio momento – ci dice con la modestia di sempre - ma anche Claudio Pivotto crescerà e allora sarà più dura”. Verissimo, aggiungiamo noi, ma ci piace sottolineare anche la crescita psico-fisica di Maurizio Taini che quatto quatto sale sul podio con i due illustri personaggi. Che bella gara quella dei junior con lo specialista Manuel Ballini

in fuga e l’ex dilettante Bruno Sanetti ad inseguire. Ha vinto Ballini ed è giusto così, ma ci piace la grinta e la forza di volontà del fortissimo ed educatissimo stradista che in Valsesia ha trovata la sua Eldorado. E nei Primavera? Uno spettacolo, con Simone “Ballinetor

                                                                                                 

che corre alla sua maniera e Nicolò Tumiati che per due giri lo tiene bene deliziando tutti nel salto degli ostacoli alla “Borini”. Vince Simone, elementare  Watson ma, Tumiati sta crescendo a vista d’occhio… ocio! Poi arrivano Fabrizio Ricci, Jacopo Barbotti e Gabriele Miazza. Bene anche  il vincitore dei più piccini, Leonardo Cerutti sulle gemelline Alice e Marcella Ballarè che riceveranno direttamente dalle mani di Emiliano Borgna un presente per il loro giovane compleanno. Che fra le donne “B” Daniele Di Prima arrivasse …prima, ce lo ricorda il suo stesso nome, ma che battesse e anche facilmente, Barbarella Fanchini se lo aspettavano in pochi. Hurrà quindi a Daniela, ma un forte e sentito a forza e coraggio a Samantha Profumo, oggi terza, affinchè possa superare questo brutto momento della sua esistenza attingendo forza e slancio proprio dallo sport, il nostro. Vince in casa l’altra donna di cuori, quella “A”, Silvia Bertocco

su Lucia Rossi e mostra tutta la sua soddisfazione perché :” Il ciclismo è bello perché ti prende, ti suscita emozioni e positivi sentimenti- ci dice sul palco delle premiazioni- scatenando applausi convinti dei centodieci iscritti.” Le altre gare vanno al debuttante Mike Gelli su Luca Bergamelli e a Clara Perletti (w3) su Lucia Rossi, vera buongustaia del nostro prodotto Palzola. Termina fra Palzola – Party, sorrisi e tanta allegria la gara di Bornate, c’è anche tempo di far salire sul palco Italo Gianolio, Presidente di “Mensa Amica” che sfama trenta persone tutti i santi giorni al quale abbiamo promesso alimenti per la sua opera tutte le volte che passiamo da queste parti. Il saluto del massimo Responsabile Emiliano che sottolinea come questo nostro ciclocross è una “religione” che regala sane emozioni è il ricordo che accompagnerà chi s’è impegnato a Bornate e sarà il propellente per nuove e solidali sfide all’insegna di un movimento vivo come il nostro dove  ci piace pensare che il meglio deve ancora venire.

 

 

CARMINE CATIZZONE