Home » Gare » CRITERIUM PALZOLA 2013 - 2014 » BORGO D'ALE 26/12/2013

BORGO D'ALE 26/12/2013

LELE GUIDALI A BORGO D'ALE

LELE GUIDALI A BORGO D'ALE - MASTERCROSSMTB

 

QUANDO LA GARA SI FA DURA, I DURI COMINCIANO A … CORRERE

 

Ci voleva un’impresa per colorare l’ennesima  tappa del Master Palzola corsa il giorno di S. Stefano  a Borgo D’Ale. Un’impresa che rimanesse scolpita nella mente di chi ha corso e di chi  ha  assistito a questo corso di sopravvivenza. Acqua sotto, sopra , di fianco per il vento gelido, dalle ruote di chi ti precede,  nevischio e un freddo cane che ti fa dire :ma chi me lo fa fare! Eppure fra l’incredulità generale ben sessantacinque eroi che molti chiamano pazzi da legare,  grandissimi appassionati ,  guerrieri disposti a tutto pur di non rinnegare il loro Vangelo secondo la bicicletta, hanno corso istess. Insomma , quando la gara si fa dura, i duri cominciano a giocare. Partono tutti insieme, capitani e gregari, veci e bocia e con nostro grande stupore , ben sette  vichinghe che … se è  vero che dietro ad ogni grande uomo c’è una grande donna, dietro a loro ci sono dei giganti. Al primo giro sotto il gonfiabile verde della Palzola transitano Manuel  Ballinetor e Lele Guidali che già dal suo sguardo “cattivo” s’intuisce che cos’à  in mente. Infatti , il giro dopo inserisce la trazione integrale e pesta giù duro più della Berta, una pressa impressionante che gli consente di  regalarsi una splendida galoppata solitaria farcite di  pedalate rabbiose colme di rabbia per aver trascorso di un anno sfigato, da dimenticare e la sua è alla fine è la vittoria del riscatto. Bravi anche Isacco Colombo e Claudio Duò che lo seguiranno sul Podio. E Manuel Ballinetor? Bhè, oggi era difficile tenere il  Guidali guerrigliero ma al traguardo è secondo assoluto e insieme alla vittoria ottenuta ai danni di Paolo Bravini ( primo junior) e Mamo Pagani , porta  a casa la convinzione che sole o pioggia, vento o neve Ballinetor  c’è. Eccome se c’è! E c’è soprattutto il mini Ballini, il primavera che di nome fa Simone.  Non ha ancora perso una gara e oggi batte Nicolò Tumiati , un vero “molamai” che da due anni non salta una gara , terzo un novizio: Simone Aimaro.Bella , combattuta e combattuta  la gara dei veterani , tutti vogliosi di ben figurare  e scrivere il loro nome sulla storica bacheca di questa gara che lo scorso anno si fasciò di tricolore e alla fine è Luca Luraghi a presentarsi tutto solo e coperto di fango al cospetto dei giudici ma anche Marco Locatelli , il blogger di Milano- Manetta, ha motivo di gioire per l’ottimo piazzamento, gli altri sopravvissuti sono Brancaleon, Toniolo , Borella, Radice, Ballini ( quello scarso), Meinardi e Marziano. Eroi! Chi invece dava del tu alla bici e con essa galleggiava nel fango era il folletto gentleman Angelino Borini , una biglia da flipper che rimbalzava di qua e di la ma non perdeva mai il ritmo e anche oggi, dimostrando una padronanza del mezzo straordinaria, porta a casa il cesto riservato al primo ma si congratula con Marco Vacchini , Massimo Mingoni e Giò Vianini per aver ... sofferto insieme a lui. La vittoria del super “A” Giannino Succo? La salutiamo con grande rispetto! Gente come Succo ti fa innamorare del ciclismo perché sono quei gregari sempre rispettosi, portatori di borracce, umili e generosi che all’occorrenza fanno i capitani e oggi Giannino ci è parso un Gesù Cristo che prima di fermarsi ad Eboli ha fatto tappa a Borgo D’Ale. Sua la scena perché ha battuto un grande come Antonio Marconi , gran stradista che ha capito che il cross è una palestra di sport e di vita e terzo Piero Mezzo , un atleta che al posto del cuore ha un  crosso   panettone farcito di bontà, esattamente come il vincitore dei Super  “B” Matteo Petrucci che ha vinto il derby con Walter Ricci e battuto anche Gregorio Sottocorna  che a fine gara reclamava un … defibrillatore. Le pedalate rosa sono state un inno alla vita e il colore delle loro maglie erano un particolare molto trascurabile. Donne  che sono ottime risorse anche fuori dal campo, oggi sono state tutte travolgenti, persino ipnotizzanti e hanno sprigionato un entusiasmo crescente e gli applausi più convinti se li è cuccati  Barbarella Fanchini ( donne “B”)per la bella vittoria conseguita in maglia tricolore e ai danni di Daniela Diprima, Sua Eternità  Clara Perletti e Paola Cantamessa , ma osanna anche  per Cristina Cortinovis ( donne “A”) che da atleta intelligente sta entrando in forma nel momento giusto! Oggi vince e convince  su Samantha Profumo che comincia a divertirsi anche nel fango e Silvia Bertocco che chiude la gara col sorriso sulle labbra ma, qualcuno giura  che era una  paresi dovuta al freddo. Si chiude anche questa bella gara che ci insegna che da gente così c’è solo d’imparare. Ti insegnano il senso del gruppo, il dare tutto e anche di più, a rinnegare le cose facili ottenute senza lottare, a cadere e rialzarsi tutte le volte. Come nella vita!

 

Carmine Catizzone

 

VITTORIE D'AUTORE AL TROFEO D'AUTUNNO

VITTORIE D'AUTORE AL TROFEO D'AUTUNNO - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI V. ZULIANI

GUARDA IL NOSTRO CANALE YOUTUBE

MASTERCROSSMTB CHANNEL

ALPI CHALLENGE IN FESTA AL GLOBO

ALPI CHALLENGE IN FESTA AL GLOBO - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI C.N.

FINALE TORNEO DELLE PROVINCE 2017

FINALE TORNEO DELLE PROVINCE 2017 - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI L. FORNASIERO

TROFEO DEL PIOVESE DI STRA 15/10/2017

TROFEO DEL PIOVESE DI STRA 15/10/2017 - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI L. FORNASIERO

E' VENUTO A MANCARE GIANFRANCO BIASUTTI

E' VENUTO A MANCARE GIANFRANCO BIASUTTI - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI L. FORNASIERO

MEMORIAL VILMA E LUIGI DONDI A MASSERANO

MEMORIAL VILMA  E LUIGI DONDI A MASSERANO - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI C.N.

SCARPETTA TIMBRA LA VITTORIA AD ARZIGNANO

SCARPETTA TIMBRA LA VITTORIA AD ARZIGNANO - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI A. SCARPETTA