REGOLAMENTO MASTER CSAIN DI CICLOCROSS

REGOLAMENTO MASTER CSAIN DI CICLOCROSS - MASTERCROSSMTB

MASTER CSAIN DI CX 2019-2020 

OTTOBRE 

  D 6   CIGLIANO                            VC    V.C. CIGLIANO

12 S    MONCRIVELLO                     VC    ASD PEDALE PAZZO

NOVEMBRE 

 1 V     VILLAREGGIA                     TO     PEDALE PAZZO

 2 S     SOMMA LOMBARDO             VA    RAPACI

10 D    MIASINO                            VB    BILAKE MIASINO

16 S     COAREZZA                         VA    FUNTOS BIKE / RAPACI                       

17 D     MAZZE'                              TO    BIKERS TEAM

23 S     VALDENGO                         BI    G.A.C. VALDENGO

30 S     ARBORIO                           VC    A RUOTA LIBERA

DICEMBRE 

  7 S     GODIASCO                         PV    STAFFORA TRIATHLON E G.S. VARZI

14 S     S. NAZARO DE BURGUNDI   PV    TEAM MEDIA BIKE

22 D     MAGLIONE                         TO    PEDALE PAZZO

26 G     MAGLIONE                         TO    PEDALE PAZZO

 

28 S      AGRATE CONTURBIA          NO    ASD AGRATE CONTURBIA 

GENNAIO

 4 S        ARRO                               BI    TEAM ARRO BIKE

 6 L         UBOLDO                          VA    PEDALE UBOLDESE

11 S       MONCRIVELLO                  BI     PEDALE PAZZO

19 D       BELGIOIOSO                    PV    VELO CLUB BELGIOIOSO  SCARINI

26 D      TINA                                TO    FUORI ONDA BIKE

FEBBRAIO 

 2 D        MAGLIONE                       TO   PEDALE PAZZO

 9 D        VERRONE                         BI    PEDALE PAZZO

 

 

REGOLAMENTO MASTER CSAIN DI CICLOCROSS 2019/2020

 

Art.1 Il Master  CSAIN di ciclocross  si articola in 20 prove ed è possibile partecipare anche con la Mountain-Bike, tuttavia il manubrio non deve superara la misura di 60 cm.

Art.2  Le prove sono aperte a tutti gli enti.

Art.3  Fin dalla prima gara, tutti i corridori che sono in procinto di cambiare categoria saranno già considerati passati nella nuova categoria.

Art 4 Dal primo Gennaio saranno ammessi solo i corridori in regola con il tesseramento 2020.

Art.5 Nel master di ciclocross  non si prevedono scarti.

Art.6 I punteggi verranno assegnati col seguente criterio:50-45-40-35-30-29-28-27-26, e così via fino all’ultimo classificato.

Art.7 Le gare di Somma Lombardo, Miasino, Coarezza e Agrate Conturbia fanno parte di un poker di gare chiamato “Trofeo Amici di CSAIN” con  assegnazione delle maglie del primato ai meglio classificati con vestizione ad Agrate Conturbia.

Art.8 Alle  gare del master non sono ammesse, specie in dirittura d’arrivo, pubblicità occulte  e siti che non siano di Csain e/o di sponsor del comitato organizzatore.

Art.9 La quota di partecipazione è fissata in euro 12 e al momento della prima iscrizione si pagheranno 3 euro in più per i numeri ( dorsali e frontali)  che rimarranno  personali  per tutto il Master Csain di ciclocross.

 Art. 10  Le partenze avverranno per tutta la stagione con il seguente criterio: 1^ partenza: Debuttanti, Junior, Senior, Veterani, seconda partenza: Gentleman-Super Gentleman A- B – Donne A- B,Primavera.

Art.11 Nei  percorsi di gara sono previsti almeno due serie di ostacoli naturali o artificiali.

Art 12 alle gare è ammesso il cambio bici ma solo nei box appositamente posizionati.

Art. 13 La premiazione finale avverrà  la settimana  successiva  all’ultima prova a Cavaglià.

Art. 14  Le premiazioni del trofeo  di ciclocross prevedono:ai vincitori maglia, fiori, targa  e cesto, secondo e terzi pacco e materiale tecnico, dal quarto al decimo pacco gara.

Art. 15 Non esistono vincoli di partecipazione minima al trofeo, tuttavia verrà riconosciuto un premio fedeltà a tutti coloro che porteranno a termine tutte le gare.

Art. 16  Per quanto non contemplato, vige il regolamento tecnico Csain Settore Ciclismo.

Art.  17 Foto, commenti, cronache, classifiche e frammenti su www.mastercrossmtb.it

                    Il coordinatore del progetto e Pres. della asd Rapaci

                                        Carmine Catizzone

 

CUCCURULLO, TACCHINARDI E BERTI …SCIALANO AD ARBORIO

CUCCURULLO, TACCHINARDI E BERTI …SCIALANO AD  ARBORIO - MASTERCROSSMTB

 CUCCURULLO, TACCHINARDI E BERTI …SCIALANO AD  ARBORIO

Arborio è un piccolo comune della provincia di Vercelli di neanche mille abitanti che per un giorno si ”veste” da metropoli  grazie alla vulcanica mente del Pres. dell’ASD A Ruota Libera Carlos Nicolello che, caso più unico che raro, ha la capacità non comune di organizzare due gare contemporaneamente, una su strada e una, la 9^ del Master Csain di ciclocross. Ci vuole intraprendenza e una buona dose di coraggio, è vero, ma anche la capacità di circondarsi di persone competenti e capaci come Gianni Riconda che ha collaborato alla stragrande allestendo un inedito percorso davvero interessante. Ottanta i partenti e fra questi delle personalità di altissimo livello come la new entry e senior 2 Alessio Crivello che con  determinazione e,  nonostante una ruota bucata,  porta a casa una grande soddisfazione ai danni dei plurivincitori Riky  Ornaghi e Marco Chiocchetti. Bella e soddisfacente anche la prova del senior 1 Stefano Missiaggia che regala a suo padre Egidio l’ennesima soddisfazione farcita da leader-schip nella generale. Anche il veterano 1 Franco Colombo può essere orgoglioso della sua prova e vive una giornata dalle forti emozioni quando realizza che la gara è sua, più o meno la stessa soddisfazione dello junior Francesco Perolio che precede i pimpanti Nicolò Tumiati e Matteo Moisello. La battaglia più violenta, come spesso accade nel nostro Master Csain, s’è vissuta fra i gentleman 1, quella più dura per eccellenza, dove se per caso ti trovi imbottigliato nelle retrovie come successo a Domenico Agostinone, perdi la possibilità di giocartela  e allora sono Luca Luraghi e  Vincenzo Crivellari a dare spettacolo con quest’ultimo capace di gettare il cuore oltre l’ostacolo per anticipare di un niente l’educatissimo Luraghi. Ancora una volta il veterano 2 Lele Tacchinardi ha potuto …scialare ed esprimere tutto il suo potenziale offensivo relegando al ruolo di rincalzo Emiliano “Samuray” Paiato che comincia però a rispecchiare il suo valore che potrebbe quanto prima portarlo alla vittoria. La gara dei gentleman 2 è stato un autentico capolavoro di Luca Olivetti che aveva il difficile compito di sbarrare la strada ai due forti amatori quali sono Roberto Redaelli e Massimo Zappa e l’esserci riuscito è motivo di grande soddisfazione. Quando fra i super A si presenta ai nastri di partenza Vincenzo Cuccurullo per tutti gli altri non c’è che incrociare le dita, anche ad Arborio è stato così e l’unico che ha cercato di arginare le sue possenti trenate è stato il ritrovato e tenacissimo Piero Mezzo, visto che Carmine Catizzone era un  … oggetto volante non identificato  e in grave difficoltà. Se fossimo a scuola potremmo tranquillamente dire che il capoclasse Vigilio Berti , super B nato nel lontano 1945, è stato promosso con la media dell’otto, anche se, bisogna dirlo, Pierluigi Scorbatti ed Augusto Bosio avevano pochissimi secondi di ritardo e proprio per questo sono solo…rimandati alla prossima gara. E’ stato un bel weekend anche per l’emisfero femminile che ha visto primeggiare la rientrante donna B  Daniela Di Prima con un’azione bella scintillante e concreta ai danni di Luisa Monetta e Rosella Bazzarello che possono guardare al futuro con ottimismo in vista delle maglie che contano, esattamente come la donna A Lauretta Vecchio e il verdissimo primavera Stefano Barbato. Gradevolissimo il bel ristoro a base di patatine, tartine, stuzzichini, olive e funghetti messe a disposizione del “Bar Route 40” che ci aiutano a …fare famiglia e complimenti   a Carlos Nicolello e Gianni Riconda per tutto il gran lavoro svolto che ci fa sentire come fossimo a casa, componenti della stessa famiglia dove si soffre  e si gioisce a seconda delle circostanze.

Carmine Catizzone

 

FESTA IN UN CASTELLO PER I PREMIATI CSAIN TORINO

FESTA IN UN CASTELLO PER I PREMIATI CSAIN TORINO - MASTERCROSSMTB

 

 FESTA IN UN CASTELLO PER I PREMIATI CSAIN TORINO BY ELISA ZOGGIA

Domenica 1 dicembre, la pioggia dopo solo pochi giorni di tregua torna a imperversare sul Piemonte, ma i ciclisti dello Csain Ciclismo di Torino per una volta non ne sono affranti: li aspetta una giornata di festa e premiazioni all’interno della prestigiosa location del Castello di Corveglia.

Nella sala delle cerimonie, allestita per l’occasione, fanno bello sfoggio di sé i ricchi premi che aspettano di essere consegnati mentre via via la sala si riempie di appassionati che nel corso del 2019 si sono distinti, chi per la partecipazione, chi per i risultati conseguiti, ma tutti uniti dalla passione per il meraviglioso sport della bicicletta.

Apre la cerimonia la Coadiutrice Nazionale Elisa Zoggia, dando il benvenuto ai presenti e facendo una relazione appassionata dell’anno che sta per finire.

E’ stato un anno per molti versi complesso ma ricco di soddisfazioni in ogni settore.

Purtroppo impegni imprescindibili hanno impedito al Presidente Nazionale Csain Luigi Fortuna ed al Vice Presidente Nazionale e Responsabile Nazionale Csain Ciclismo Biagio Nicola Saccoccio di essere fisicamente presenti in sala, ma il saluto da loro inviato e letto al microfono hanno fatto sentire ancor più forte la loro vicinanza e sono stati seguiti da lunghi applausi.

Un anno fa, proprio in questa sede, abbiamo dato il benvenuto ai nuovi amici di Biella e Vercelli, di Cuneo, all’irrefrenabile Carmine Catizzone e all’instancabile Giancarlo Sesia. La strada tracciata insieme in questi dodici mesi non è stata priva di ostacoli, non è stato semplice armonizzare le diverse esigenze e abitudini, ma lo spirito di squadra che ognuno ha provato a mettere in campo ci ha condotti nuovamente qui in questa fredda domenica a festeggiare insieme il primo anniversario. E se ogni tanto si discute cercando di accontentare i vari attori di questo grande gioco per adulti che è il ciclismo amatoriale, è un segno di buona salute: in ogni famiglia si discute talvolta, l’importante è che tutti abbiamo lo stesso obiettivo che è la realizzazione di manifestazioni che siano sicure e soddisfacenti per partecipanti e organizzatori. E’ questo il traguardo più grande raggiunto in questi mesi: essere riusciti a far squadra collimando per quanto possibile visioni differenti. Non è sempre facile.

Il coronamento di questo lavoro è il benvenuto in famiglia che proprio in questa prima domenica di dicembre diamo a Luca Giordano, referente per la Provincia di Imperia. Insieme a lui si alternano al microfono Gianni Riconda, facente le veci anche di Carlos Nicolello per le province di Biella e Vercelli, Carmine Catizzone, la cui fama grazie al Master Mtb e Ciclocross lo precede in ogni dove, e Luigi Mantovani, referente della Provincia di Pavia.

Ecco una panoramica di questo intensissimo 2019.

Il Settore strada torinese è stato come consueto impegnato prevalentemente dai campionati provinciali disputati in più prove, dal Giro del Canavese e dagli imperdibili appuntamenti con le classiche come quella di Pessione e il maggio poirinese, solo per citarne alcune. La media dei partenti si è assestata attorno ai 110 partecipanti per gara, con un picco a inizio stagione a Poirino, che ha registrato 240 iscritti, e un calo sintomatico a fine luglio, quando il caldo e le ferie conducono altrove l’attenzione. Siamo andati a Borgo San Dalmazzo a disputare il campionato regionale 1^ serie e a Nibbiola per il 2^ serie, dove alcuni dei presenti hanno potuto cimentarsi e trarre le giuste soddisfazioni, e grazie all’impegno dei delegati delle province limitrofe abbiamo annoverato tra le manifestazioni targate Csain il Giro della Provincia Granda, il Campionato Invernale che è ancora in corso nel vercellese, un circuito regionale di cronoscalate ed il Campionato Nazionale della Montagna che ha vestito di tricolore i più abili sulla cima di Oropa.

Tra sacro e profano, tra agonismo e cicloturismo, abbiamo dato vita al Gran Trofeo Mediofondo: un circuito di 8 manifestazioni che hanno portato una media di 300 ciclisti a confrontarsi con tratti cicloturistici e tratti cronometrati in salita, una formula innovativa che sembra esser stata gradita da molti e che per il 2020 aggiungerà nel suo calendario almeno una prova nella provincia torinese.

Del cicloturismo in gruppo racconta il buon Francesco Gioberti, che sapientemente lo coordina da anni: è lui a parlare delle oltre 3300 persone che hanno partecipato alle 21 manifestazioni di cicloturismo in gruppo, di cui quasi 2200 sono tesserati Csain. Diciotto sono le squadre che hanno partecipato ai vari campionati e che vengono premiate con materiale tecnico, coppie di ruote e ottimo riso di Vercelli. E uno scrosciante applauso accoglie la vestizione dei due Campioni Nazionali di cicloturismo individuale Di Rienzo Maria e Muscatello Giuseppe.

Il cicloturismo è spesso sinonimo di beneficenza, molte sono le occasioni come la Messa del ciclista in cui il ricavato viene devoluto alle onlus del territorio, e ci è caro ricordare che il 14 dicembre la nuova affiliata Borgonuovo Collegno organizzerà sotto egida Csain un raduno in favore di Telethon, e per chi preferisce le fatiche della tavola giovedì 12 dicembre alla sede del Borgonuovo avrà luogo una cena di beneficenza sempre a favore di Telethon.

Accanto a questo modo tradizionale di interpretare il ciclismo non agonistico abbiamo visto lo sviluppo delle ciclo storiche come La Ducale di Vigevano e la Monsterrato di Camagna Monferrato. Sempre il Monferrato, patrimonio mondiale dell’Unesco insieme a Langhe e Roero, è stato protagonista della Ciclocavalcata Aleramica, un brevetto permanente che ripercorrendo la leggenda del primo Marchese del Monferrato, rese immortali dalla penna di Giosuè Carducci, ha condotto numerosi ciclisti lungo le strade piemontesi per ricevere l’investitura di “ciclo cavaliere aleramico”. Resta ancora da citare, non ultimo per importanza, il circuito Rando Nord Italia: calendario di randonnée coordinato dal Presidente Csain Vco Luca Buarotti che ha preso il via il 6 aprile a Chivasso e attraverso 11 bellissimi eventi ci ha condotti attraverso le bellezze del Piemonte. Tanto sarebbe da dire di queste manifestazioni, tanto è stato scritto e pubblicato nel corso della stagione.

Ma il tempo è tiranno e resta ancora da parlare del fuoristrada, del in sala sono presenti i principali attori: Gianni Riconda e Carmine Catizzone sono i coordinatori dei circuiti più prestigiosi, la Coppa Piemonte e il Master, e colossale e improbo è stato il lavoro che hanno svolto per coordinare e gestire il calendario cercando di rispettare le esigenze di ognuno. A causa di un malessere che si somma ai problemi di salute che lo affliggono non è riuscito ad essere con noi anche Giancarlo Sesia, che con la stessa passione ha condotto nella nostra famiglia il Trofeo Amici del Ciclocross, gestito insieme alla figlia Monica ed al genero Alessandro con la collaborazione di tutta la loro meravigliosa famiglia. Suo è il record di partecipanti registrato nella stagione torinese del mountain bike, con 170 iscritti a Reano. A lui l’assemblea rivolge un caloroso saluto e l’augurio di pronta guarigione.

Insomma, riassumendola in breve, il fuoristrada torinese targato Csain ha vissuto un campionato provinciale articolato in 10 prove, un campionato provinciale di ciclocross tutt’ora in corso con prove che si svolgono quasi ogni settimana, Coppa Piemonte Mtb e Coppa Piemonte Ciclocross, Master Mtb e Master Ciclocross….ed Enduro. Perché anche nel fuoristrada non ci siamo fermati e così abbiamo visto nascere il Campionato interregionale di Enduro e la Trans Varaita, prima manifestazione a tappe in Italia, che abbiamo avuto l’onore di vivere come protagonisti a fine agosto. Del 2020 una sola anticipazione: accanto a tutto questo è in dirittura d’arrivo la creazione dell’Endurance Tour Nord Italia, circuito di gare di 6h mtb che si svolgeranno tra Torino, Imperia e Pavia.

E’ tempo quindi di premiazioni. Con Luigi Mantovani al fianco Elisa Zoggia ha chiamato dalla platea i quattro collaboratori che da 40 anni dedicano il proprio tempo libero al ciclismo amatoriale, le quattro colonne portanti dell’attuale attività, che vengono omaggiati con una targa ricordo: sono il giudice di gara di Pavia Livio  Merlini, il delegato regionale del cicloturismo Francesco Gioberti e i due preziosi consiglieri Luigi Forti e Donato Maggiulli. Gli applausi continuano quando vengono premiati i consiglieri e collaboratori torinesi, senza i quali non sarebbe possibile svolgere tanta attività: Piero Negro, Francesco Gioberti, Luigi Forti, Donato Maggiulli, Mauro Lucini, Felice Cudemo, Roberto Siragusa, Cristian Zanfino, Erika e Katia Forti e la new entry della squadra Antonia Taverna che dal 2020 farà parte del corpo giuria alle gare su strada. E un omaggio viene anche consegnato a nome di tutti i ciclisti alle scorte tecniche presenti del gruppo Radiocorsa Torino, veri angeli custodi della sicurezza in gara.

La scena viene lasciata quindi per i veri protagonisti della stagione: i ciclisti che con il loro impegno e la loro presenza hanno decretato il successo della stagione ciclistica 2019.  Sfilano quindi tra i fotografi e ricevono golosi cesti natalizi colmi di prodotti artigianali e locali coloro che si sono distinti nei campionati Nazionali, Regionali e Provinciali, di cui segue l’elenco. Un omaggio in segno di stima e riconoscenza viene consegnato anche ai presidenti organizzatori, senza il cui impegno poco si potrebbe fare.

Siamo al termine di questa mattina di premiazioni, ma la giornata è ancora lunga: i convenuti si spostano al piano inferiore per il tradizionale pranzo conviviale che in breve si trasforma in una vera festa grazie allo spirito di aggregazione che tutti i presenti sanno esprimere con spontanea genuinità mentre le golose portate si susseguono in attesa del momento topico dell’arrivo della torta. Riportante il logo Csain Ciclismo, diventa subito protagonista indiscussa di numerose foto, e poco dopo diviene il goloso colpevole degli eccessi di calorie per chi non sa resistere a una seconda porzione. E’ ormai sera, la pioggia ancora non smette di scendere, ma mentre torniamo a casa siamo noi a portare dentro il calore che questa giornata ci ha lasciato, quasi impazienti di ritrovarci a pedalare insieme.

ELISA ZOGGIA

SABATO 14 DICEMBRE SI CORRE A SAN NAZARO DE BURGUNDI (PV)

SABATO 14 DICEMBRE SI CORRE A SAN NAZARO DE BURGUNDI (PV) - MASTERCROSSMTB

 SABATO 14 DICEMBRE SI CORRE A SAN NAZZARO DE BURGUNDI (PV)

 

Per l'undicesima tappa del Master restiamo sul territorio pavese nel segno del gruppo, del lavoro di squadra, del divertimento  e della collaborazione come quella che lega il comitato ottimamente gestito dal dinamico Pres. Luigi Mantovani e i suoi valenti giudici e il gruppo di lavoro del Master Csain. In cabina di regia  questa volta scende in campo il Team Media Bike, quello delle pedalate rosa grazie alle sue madrine Ilaria Rocca e Rosella Bazzarello, fra le più presenti e vincenti del "nostro" master. Il percorso, anche su nostre indicazioni, ha subito delle variazioni per eliminare delle criticità riscontrate nelle passate edizioni ed è stato elimanato il tratto in discesa ritenuto pericoloso, nel contempo  è stato allungato il tratto in prossimità della parte alta del circuito che misura circa duemilametri. 

 

PROGRAMMA SAN NAZZARO DE BURGUNDI SABATO 14 DICEMBRE

 

RITROVO: ORE 12.00 PRESSO RISTORANTE GIARDINO VIA MEZZANO 117

PARTENZE: ORE 13.30 PER DEBUTTANTI - JUNIOR - SENIO E VETERANI

PARTENZE: ORE 14.30 PER GENTLEMAN - SUPER A/B - DONNE A/B E PRIMAVERA

CATEGORIE :  TUTTE CSAIN + ENTI CONVENZIONATI

PER INFO : PAOLO 3395787239

L'ANGOLO DEL POETA

 

LIVIO FORNASIERO

 

I NOSTRI RAGAZZI ...

 

LE CRONACHE DI A. SCARPETTA

 

L'Asd Gs Romano continua con vigore dopo 45 ann

L'Asd Gs Romano continua con vigore dopo 45 ann - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER LE CLASSIFICHE DI L. FORNASIERO

GUARDA IL NOSTRO CANALE YOUTUBE

MASTERCROSSMTB CHANNEL

IL CICLO CLUB BATTAGLIA TERME IN FESTA

IL CICLO CLUB BATTAGLIA TERME IN FESTA - MASTERCROSSMTB

TRASFERTA VINCENTE PER I CROSSISTI PADOVANI

TRASFERTA VINCENTE PER I CROSSISTI PADOVANI - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI L. FORNASIERO

CRISTIANO CASSETTA CI HA LASCIATO

CRISTIANO CASSETTA CI HA LASCIATO - MASTERCROSSMTB

CLICCA SULLA FOTO PER L'ARTICOLO DI L. FORNASIERO